Anoressia, la causa è un errore di comunicazione del cervello

Ecco quali potrebbero essere le cause dell'anoressia secondo un recente studio condotto dai ricercatori tedeschi della Ruhr-Universität di Bochum

Anoressia-cause.jpg


 


Uno dei problemi alla base del disturbo dell'anoressia potrebbe essere un mancato funzionamento delle aree del cervello coinvolte nella percezione corpo. A dimostrarlo sarebbero stati i ricercatori tedeschi della Ruhr-Universität di Bochum, che in uno studio pubblicato sulla rivista Behavioural Brain Research, hanno spiegato il perché di tale fenomeno. Lo studio è stato condotto grazie ad una risonanza magnetica funzionale, attravsero la quale è stato studiato il cervello di 10 donne anoressiche e di 15 donne senza disturbi alimentari

Al campione in esame sono state mostrate alcune fotografie, ed è stato chiesto loro di riconoscere quale fosse la silhouette più simile alla propria. Contemporaneamente a 10 persone non coinvolte nella ricerca è stato chiesto di associare alle immagini di ciascuna partecipante quella della silhouette più simile.


 


Secondo quanto emerso, pare che sia le donne anoressiche che quelle con disturbi alimentari avrebbero problemi a visualizzare in modo corretto la propria immagine, ma mentre le prime si vedevano più "in carne", le seconde - al contrario - si vedevano "più magre".


 


Detto ciò, lo studio ha preso in considerazione anche i dati delle risonanze magnetiche che sono state effettuate mentre le partecipanti osservavano le foto, e sarebbe stato dimostrato che vi sarebbe una mancanza di connessione fra le zone FBA e EBA nelle persone anoressiche.


 


A spiegare i risultati di questa ricerca è stato Boris Suchan, della Ruhr-Universität di Bochum, secondo cui le "alterazioni nel cervello potrebbero spiegare perché le donne con anoressia si percepiscono più grasse anche se sono obiettivamente sottopeso. In studi precedenti avevamo dimostrato che ci sono cambiamenti strutturali nei cervelli delle pazienti con anoressia. I nuovi dati dimostrano che la rete per il processamento delle immagini del corpo è alterata anche dal punto di vista funzionale". 


 


Foto | Flickr


via | Ilsole24ore 

  • shares
  • Mail