Perde il naso per un cancro, i chirurghi ne fanno crescere uno sul braccio

Un uomo inglese che ha perso il naso a causa di un tumore potrebbe presto riacquisire il suo normale aspetto, ecco come

Naso-uomo.jpg


 


La storia che sto per raccontarvi è una storia molto particolare, è la storia di un uomo che in passato aveva perso il naso a causa di un cancro, ma che grazie all'incredibile progresso della scienza, potrebbe presto riacquistare il suo normale aspetto. A renderlo noto è stato un programma della Bbc Focus, che ha raccontato l'incredibile storia di questo uomo d'affari britannico di 56 anni. Al protagonista di questa vicenda fu asportato il naso a causa di un tumore, ma grazie a un pionieristico utilizzo delle cellule staminali da parte dei ricercatori dell'University College di Londra, fra alcuni mesi il suo naso potrà tornare al suo posto. 

Il nuovo naso del paziente sarebbe stato realizzato a partire da un modello di vetro spruzzato di un materiale sintetico, attraverso il quale sarebbe stata creata l'impalcatura. In un bireattore le cellule davano intanto vita alla cartilagine del naso, mentre i medici hanno creato uno spazio sul suo braccio, inserendo un palloncino. 


 


Da circa due mesi il nuovo naso sarebbe stato posizionato al posto del palloncino, dove starebbe sviluppando nervi e capillari e si starebbe ricoprendo di pelle. Il naso del paziente avrà le stesse identiche sembianze di quello precedentemente asportato, come spiega chiaramente Alex Seifalian, il medico che ha condotto l'intera ricerca: "Il naso sarà esattamente uguale a quello perso dal paziente, quello originale era un po' storto e gli abbiamo chiesto se lo voleva più dritto, ma lui ha detto di no".


 


I medici sembrano essere molto fiduciosi in merito a questa tecnica, e sperano che l'uomo possa riacquistare addirittura il senso dell'olfattoSenza dubbio si tratta di una tecnica che potrà ridare speranza alle tantissime vittime di incidenti stradali o anche ai soldati che rimangono feriti in guerra. 


 


Foto | Flickr


via | TgCom, Ansa 

  • shares
  • Mail