Obesità, il bendaggio gastrico è efficace su lungo periodo

Contro l'obesità, il bendaggio gastrico da ottimi risultati anche a lungo termine, ecco i risultati di un recente studio

Immagine di anteprima per obesità-bilancia.jpg


 


Il tema è dell'obesità è un tema quanto mai attuale nella nostra società, ma per risolvere questo problema esistono diversi metodi, fra i quali va menzionato anche il famoso "bendaggio gastrico", ovvero una strategia di contenimento dell'obesità che - secondo recenti studi - si sarebbe rivelata efficace anche a lungo termine. Visto con scetticismo ed un pizzico di diffidenza da molte persone, pare proprio che questo tipo di trattamento potrebbe consentire degli ottimi risultati anche dopo un lungo periodo di tempo. A stabilirlo è stato uno studio condotto dalla Monash University e recentemente pubblicato sugli "Annals of Surgery". 

Per un periodo di 15 anni (dal 1994 al 2011), questa particolare indagine ha preso in esame i livelli di obesità di un campione di 3227 pazienti con età media di 47 anni, che sarebbero stati trattati con il metodo del bendaggio gastrico regolabile effettuato con tecnica laparoscopica, ed avrebbe constatato che per oltre un decennio, un alto numero di questi pazienti (714 per l'esattezza, di cui il 78% di sesso femminile) avrebbe mantenuto la perdita di una media di 26 kg.


 


Inoltre, la ricerca ha anche reso noto che non ci sono stati casi di decessi "associati con il bendaggio gastrico o con operazioni successive, necessarie in circa la metà dei soggetti monitorati. In media - ha spiegato l'autore della ricerca, il dottor Paul O'Brien - solo un paziente su 20 ha dovuto rimuovere il bendaggio durante il periodo di studio".


 


"I nostri risultati - aggiunge O'Brien - mostrano che quando si ha un problema importante di obesità esiste una soluzione a lungo termine, ed è questo tipo di intervento. Sicuro ed efficace. Inoltre conferma benefici duraturi, oltre che sulla perdita di peso, anche su altre patologie come il controllo del diabete di tipo 2". 


 


via | Agi


Foto | Flickr

  • shares
  • Mail