Malasanità a Ravenna, feto morto in ospedale lasciato in barella

In un ospedale di Ravenna è stato trovato il feto morto di una bambina lasciato su una barella.

Sanità.jpg


 


E' un caso che sta facendo discutere l'intera opinione pubblica quello avvenuto in un ospedale di Ravenna, dove il feto morto di una bambina sarebbe stato lasciato per diverse ore su una barella, in un corridoio dell'ospedale. Secondo quanto riportato, pare che il corpicino sia stato partorito senza vita tra sabato 12 e domenica 13 gennaio, a causa di alcune complicazioni sopraggiunte durante la gravidanza, e sarebbe stato poi lasciato su una barella, nell'area di lavoro dei barellieri, per poi essere ritrovato la mattina seguente da un lettighiere.

A quanto sembra, il corpicino sarebbe stato regolarmente avvolto dentro un lenzuolo e fornito di relativa documentazione, ma a causa di un errore nella comunicazione tra il reparto e l'obitorio, questo non sarebbe stato poi condotto nella Camera mortuaria. A dare l'allarme sarebbe stata un'addetta dell'ospedale, che alle 9.20 del mattino avrebbe trovato il corpicino avvolto tra le lenzuola. In un primo momento si era ipotizzato che potesse trattarsi di un feto abbandonato da ignoti, ma in seguito sarebbe stata fatta chiarezza sull'episodio.


 


Di fronte a questo errore, la direzione sanitaria avrebbe già avviato un'indagine interna, per cercare di comprendere quale possa essere stato il reale motivo per cui il feto della bambina non sarebbe stato trasferito in obitorio. A dire la sua in merito alla questione sarebbe stato anche Andrea Neri, direttore dell'ospedale di Ravenna, che nelle scorse ore avrebbe dichiarato: "Ho incontrato i genitori, sono molto provati, mi sono scusato, sono molto dispiaciuto. Voglio precisare però che il corpicino non è mai rimasto in un'area incustodita, anche se si trovava dove non sarebbe dovuto essere".


via | Tgcom, Ilrestodelcarlino, Ravennatoday


Foto | Flickr

  • shares
  • Mail