Per il cancro alle ovaie e all'endometrio la diagnosi è possibile con il Pap Test

Attraverso un semplice Pap test, potrebbero essere presto diagnosticati sia il cancro alle ovaie che quello alla parete dell'utero

Pap-test-cancro.jpg


 


Grazie a un semplice Pap test, potrebbero essere diagnosticati sia il cancro alle ovaie che quello alla parete dell'utero. Ad renderlo noto è stato un importante studio coordinato dal docente di oncologia alla Johns Hopkins University di Baltimora Luis Diaz, che insieme ai suoi colleghi, ha ribattezzato questa metodica con il nome di "PapGene test". Come ben saprete, attualmente il Pap Test rappresenta un esame di prevenzione a cui ci si sottopone per rilevare un eventuale cancro al collo e alla cervice dell'utero, attraverso l'analisi del fluido cervicale.

Tale fluido potrebbe contenere anche delle cellule provenienti dalle ovaie e dall'endometrio, secondo quanto reso noto sulle pagine del "Science Translational Medicine".


 


Durante lo studio, l'esame del pap test applicato ad un campione di 24 donne che sapevano già di avere un tumore, avrebbe rilevato il 100 per cento dei casi di cancro uterino ed il 41 per cento di quelli alle ovaie. La percentuale del cancro alle ovaie è da considerare comunque alta, dal momento che è superiore ai valori registrati fino ad ora, e la rilevazione verrebbe fatta durante i primi stadi, contrariamente a quanto avviene di solito.


 


Nel corso di questo studio, i ricercatori hanno anche sviluppato un test che ricerca contemporaneamente le mutazioni associate al tumore in 12 diversi geni nei campioni senza avere falsi positivi. Uno degli autori dello studio, il dottor Bert Vogelstein, ha spiegato che "il genoma di oltre 50 tipi di tumore è stato sequenziato, e i ricercatori stanno cercando di trarne vantaggio. Studi simili sono in corso per trovare Dna mutato nel sangue, nelle feci, nelle urine e nella saliva per rilevare il cancro e anche la risposta ai farmaci".


 


Naturalmente lo studio condotto dai medici della Johns Hopkins University è ancora alla sua fase iniziale, ed occorreranno anni prima che tali scoperte possano essere applicate nella medicina pratica, ma se la ricerca dovesse portare a buoni risultati, si potrebbero rilevare tre diversi tumori attraverso un unico test di routine! 


 


Foto | Flickr


via | TgCom

  • shares
  • Mail