Chirurgia estetica: super esperto cinese a "scuola" di bellezza in Italia

Il professor Yixin Zhang, massimo esperto di chirurgia ricostruttiva in Asia, a "scuola" di estetica dal dr. Francesco Castello, primo chirurgo plastico estetico straniero ad aver operato a Shangai. Gradito ospite a Roma fino al 21 novembre 2012

Gigliotti-castello-zhang-conferenza.jpg


La Cina? È la nuova capitale della bellezza raggiunta o esaltata a colpi di bisturi. In un Paese che ha registrato nel 2011 un giro di affari di 47 miliardi di euro, destinato ad aumentare per i nuovi stili di vita della popolazione locale, le richieste non sono però orientate verso ideali estetici locali. Le donne cinesi guardano sempre più spesso a occidente e ai nostri modelli di bellezza in particolare.

Occhi più tondi, nasi meno dritti e seni più prosperosi sono dunque in cima ai desideri delle donne cinesi quando si affidano alle "magie" del bisturi. E i chirurghi, giustamente, si adeguano. Se la Cina avanti anni luce per tecnologie, si scopre all'improvviso al "nastro di partenza" per l'estetica e le nuove tendenze, i loro super esperti si spostano a occidente per "studiare" i canoni di bellezza occidentale. E l'Italia in questo è uno dei Paesi più ambiti anche perché vista come molto vicina a quegli ideali di bellezza classica che in tutta la storia dell'arte hanno sempre rappresentato l'eccellenza, l'ideale assoluto e perfetto. Non è un caso infatti se il professor YiXin Zhang - ordinario di chirurgia plastica al Ninth People's Hospital di Shanghai e la Shanghai JiaoTong University School of Medicine - in questi giorni a Roma per la sua prima volta, sia andato proprio in Campidoglio per ricevere gli onori di casa della Autorità.


LA BELLEZZA TRA ARTE E SCIENZA. "È un onore a nome del Sindaco e della nostra Città accogliere una personalità prestigiosa come la Sua, proveniente da un Paese amico come la Cina, da sempre legato all'Italia e con Roma in particolare" ha dichiarato il Capo di Gabinetto consigliere dott. Sergio Basile, nel portare il saluto in Campidoglio al prof. Yixin Zhang accompagnato dal dottor Francesco Castello che gli farà da "guida estetica" e dal presidente onorario di Associna Marco Wong. "A conclusione della sua permanenza qui in Italia, organizzeremo la presentazione del professor Zhang alla Comunità, il nostro obiettivo è far conoscere meglio i progressi che la chirurgia plastica estetica e ricostruttiva sta facendo per migliorare la qualità della vita di molte persone" ha dichiarato Marco Wong che ha concluso "questo perché il prof. Zhang rappresenta una eccellenza cinese, essendo un professionista di grande fama in Asia, e scegliendo l'Italia per apprendere nuove tecniche estetiche non può che portare maggior lustro e migliorare la conoscenza reciproca di entrambi i Paesi". "Quando si sente parlare di chirurgia estetica e ricostruttiva, per i non addetti ai lavori, il pensiero va soltanto alle icone della bellezza femminile, invece è arrivato il momento di pensare anche al senso più pieno di una vita sociale migliore, e solo la cultura ci può aiutare verso questo traguardo" ha riferito all'ingresso del Cortile d'Onore di Palazzo dei Conservatori, il dottor Castello, primo chirurgo estetico straniero ad aver eseguito interventi in un ospedale pubblico cinese lo scorso luglio. "Nel mio Paese ho imparato le migliori tecniche di chirurgia ricostruttiva, ora sono qui a scuola di Estetica dal dottor Castello partendo dal sogno di visitare per la prima volta una città meravigliosa come Roma", ha sorriso Zhang riferendosi agli ospiti mentre precedeva con il collega la delegazione verso la Mostra "L'Età dell'Equilibrio" nelle stanze dei Musei Capitolini. Il prof. Zhang ha ammirato a lungo le sculture presenti con particolare attenzione alla Venere Capitolina, disquisendo con il dott. Castello sui cambiamenti dell'ideale di bellezza nel corso del tempo e tra le diverse culture.


Dalla teoria alla pratica il passo è breve quando si ha poco tempo e il dovere chiama. Zhang è qui per approfondire grazie al bisturi del dottor Francesco Castello le più raffinate tecniche estetico-chirurgiche. Così, dopo la visita alle bellezze di Roma e le Lectio Magistralis nelle Università, è iniziata la sua non stop di  "estetica" in sala operatoria.


UNA GUIDA ITALIANA. Zhang, dieci ore e più di sala operatoria al giorno, ex giocatore professionista di ping pong, amante del sassofono e tra i massimi esperti di microchirurgia ricostruttiva - il suo bisturi eccelle in ricostruzioni successive a traumi ed ustioni gravissimi ed in seguito ad asportazione di neoformazioni tumorali - per la prima volta in Italia, ha scelto il dottor Francesco Castello per approfondire le tecniche estetico-chirurgiche. L'obiettivo è quello di dare una risposta alle costanti richieste del suo paese, al terzo posto dopo Stati Uniti e Brasile per ricorso al bisturi estetico. 


La chirurgia estetica si affaccia in Cina circa quindi anni fa. La corsa verso la ricchezza mescolata a ritmi lavorativi intensi, nuove abitudini alimentari e fenomeni di obesità crescenti hanno determinato una richiesta nel 2011 pari a circa 2 milioni di interventi l'anno e un volume di affari di 47 miliardi di euro.


Nelle sale operatorie delle cliniche romane dove Castello esercita, Zhang  "affiancherà" il collega negli interventi di gigantomastia, mastoplastica riduttiva, addominoplastica, lifting cosce, lifting braccia, bodylift, valutando altre metodiche alternative, come liposuzione al plasma o lipo laser.


DUE SUPER ESPERTI. I due protagonisti di questo vertice italo-cinese sono luminari di fama mondiale che si trovano a capo di strutture all'avanguardia ed equipe più che qualificate per questo genere di interventi. Il  professor Yixin Zhang, ad esempio, dirige circa dieci chirurghi plastici al Ninth People's Hospital di Shanghai, numero uno di tutta la Cina per qualità e quantità di interventi estetici. Dello stesso ospedale fanno parte infatti anche altre unità operative di chirurgia plastica per un totale di 200 posti letto. Quattro piani interi dell'ospedale sono destinati a questo settore, facendo registrare all'anno circa 30 mila interventi e 50 mila tra visite, medicazioni e filler. Yixin Zhang  a soli 42 anni, al suo rientro a Shanghai il 21 novembre, sarà insignito della carica di vice-segretario generale della Società di Chirurgia Plastica Cinese, l'associazione nazionale di iscritti più numerosa al mondo.


Non da meno è il nostro super esperto Francesco Castello che ha venti anni di esperienza e oltre  tremila interventi all'attivo. Ha  speso la  formazione in strutture pubbliche e private di tutto il mondo. Responsabile del servizio di chirurgia plastica estetica e ricostruttiva della Casa di Cura Accreditata Fabia Mater, opera presso le cliniche Sanatrix e Villa Salaria di Roma. Ha acquisito una visione globale del paziente "estetico" e "chirurgico" tale da permettergli di padroneggiare con eccellenza  le tecniche di miglioramento estetico per ciascuna parte del corpo. A 46 anni è il primo chirurgo estetico straniero ad aver eseguito interventi in un ospedale pubblico cinese.


La permanenza a Roma del Prof. Yixin Zhang si conclude il 21 novembre quando volerà a Shanghai per essere insignito, a soli 42 anni, della carica di vice-segretario generale della Società di Chirurgia Plastica Cinese, l'associazione nazionale di iscritti più numerosa al mondo.


Zhang.jpg Zhang-Ammirazionedellavenerecapitolina.jpg

  • shares
  • Mail