Innovazione e sostenibilità: lo studio "Navigare i paradigmi del prodotto"

Lo studio "Navigare i paradigmi del prodotto" analizza la maniera in cui viene percepito il prodotto dai consumatori in termini di sicurezza, innovazione, performance e sostenibilità?

sostenibilità_innovazione.jpg


UL (Underwriters Laboratories), organizzazione globale indipendente leader nella scienza della sicurezza, ha sviluppato il primo di una serie di studi globali annuali che analizzano la percezione del prodotto in riferimento alle modalità con le quali viene realizzato e il luogo dove viene fabbricato, venduto, acquistato e utilizzato. 

Lo studio "Navigare i paradigmi del prodotto" analizza le relazioni e le contraddizioni che esistono tra la percezione dei consumatori e dei produttori relativamente alle questioni di sicurezza, innovazione, performance e sostenibilità.


I dati raccolti sono le opinioni di 1.235 consumatori e 1.195 produttori di Cina, India, Germania e Stati Uniti operanti nei settori high tech, food, materiali da costruzione e prodotti chimici per uso domestico. 


Marcello Manca, amministratore delegato di UL Italia, ha commentato:


"Da oltre un secolo UL riveste un ruolo fondamentale nel sostenere le aziende di tutto il mondo nel commercializzare prodotti più sicuri. Assicurare un rapido accesso, in modo affidabile, ai prodotti sui mercati internazionali è una condizione essenziale per l'economia globale. Questo studio contribuisce a interpretare come le percezioni in merito ai prodotti influenzino il comportamento dei consumatori e le decisioni dei produttori. Viviamo in una realtà che si rivela sempre più interconnessa e interdipendente. Considerata la crescente complessità della supply chain e l'aumento considerevole del commercio globale a ritmi sempre più veloci, è oggi fondamentale comprendere la percezione dei consumatori e delle aziende verso i prodotti".


Di seguito alcuni dei principali risultati emersi dallo studio: 



  • L'area geografica e la cultura svolgono il ruolo principale nel plasmare le percezioni relative al prodotto. 

  • I consumatori sono consapevoli dell'esistenza di una supply chain sempre più globale e complessa e dimostrano un crescente interesse verso la tracciabilità dei prodotti e dei loro componenti. 

  • I produttori dei mercati emergenti ritengono i propri prodotti e la loro gestione operativa superiore rispetto ai produttori dei mercati sviluppati.

  • Pochi produttori sembrano porre l'ambiente tra le questioni prioritarie rispetto a sicurezza e performance. 

  • La sicurezza e la performance del prodotto sono i due aspetti fondamentali che influenzano la percezione del prodotto sia per i consumatori che per i produttori. 


Nel dettaglio alcuni dati:    



  • Oltre il 90% dei produttori ritiene di essere al di sopra della media rispetto a criteri di sicurezza, affidabilità e sostenibilità. Al contrario il 70% dei consumatori ritiene che i produttori non eseguano verifiche approfondite prima di lanciare nuovi prodotti. 

  • L'innovazione è l'elemento chiave che influenza la capacità dei produttori di competere in futuro; tuttavia, i produttori sopravvalutano il significato che i consumatori attribuiscono all'innovazione. 

  • I produttori cinesi attribuiscono un valore due volte maggiore all'innovazione di prodotto rispetto ai produttori americani che, invece, conferiscono una maggiore valenza alla velocità di immissione sul mercato (cinque volte in più rispetto ai colleghi cinesi). 

  • Il 50% dei produttori afferma di voler incrementare l'approvvigionamento da altri Paesi. Di questa percentuale, l'85% intende inserire nuovi Paesi invece che sostituire quelli da cui già si acquista. I consumatori ritengono che la qualità dei prodotti sia del 41% superiore nei Paesi sviluppati rispetto a quelli emergenti. 

  • I consumatori risultano maggiormente interessati all'origine dei componenti/ingredienti di un prodotto piuttosto che al luogo di assemblaggio; questa potrebbe essere la ragione per cui il 69% dei produttori concorda sul fatto che i consumatori attuali sono sempre più consapevoli e informati sui prodotti in generale. 

  • Il 56% dei consumatori ritiene che il luogo di assemblaggio o di produzione di alimenti freschi e lavorati acquisirà sempre più importanza nei prossimi cinque anni, mentre secondo il 60% dei produttori di generi alimentari il Paese di origine di latticini freschi, carne, pesce, frutta e verdura influenza la qualità dei propri prodotti. 

  • Il 75% dei consumatori ritiene che i produttori non abbiano adottato le misure necessarie per garantire procedure di produzione eco-sostenibile. Soltanto il 9% dei produttori ha dichiarato che la progettazione di prodotti sostenibili costituisce l'elemento di maggiore impatto sulla loro capacità competitiva.


LINK UTILI:


Delocalizzazioni e sostenibilità: due strade inconciliabili


Alla scoperta delle politiche green di Danone




  • shares
  • Mail