Sinead O'Connor suicidio: il folle gesto conseguenza del disturbo bipolare

Sinead O'Connor ha tentato il suicidio: soffre di sindrome bipolare. Nel post i sintomi della malattia e le terapie possibili.

sinead_oconnor.jpg


Sinead O'Connor, la 45enne artista irlandese che tutti ricordiamo per aver cantato Nothing Compares 2 U, ha tentato il suicidio. (Foto Infophoto)

La cantante, che negli ultimi anni ha sofferto di una forte depressione, aveva già minacciato il suicidio su Twitter, come raccontava Nicoletta Salvi su Pop Corner:


Sembra, infatti, che la cantante abbia utilizzato il suo account di Twitter (ora chiuso) per scrivere pensieri che, in un certo senso, facevano pensare ad una certa sua inclinazione al suicidio. La cantante, ovviamente spaventata dalla reazione dei suoi fans a questi suoi pensieri poco ortodossi, avrebbe rilasciato una intervista per l'Irish Mail, nella quale spiega che il suo è stato solo un forte sfogo emotivo.


E' cosa nota, infatti, che Sinead (madre di 3 bambini) abbia avuto problemi con la gestione dei figli, essendo una madre single. In particolare, sarebbero talmente gravi i problemi con il figlio più grande, che la stessa Sinead sembra aver chiesto l'aiuto degli assistenti sociali.


Sinead, madre single di tre figli avuti da tre uomini diversi, aveva già tentato il suicidio il giorno del suo 33esimo compleanno, l'8 dicembre 1999, episodio dopo il quale le era stata diagnosticata una sindrome bipolare.


Da un'euforia incontrollabile a una depressione profonda; il disturbo bipolare interessa più del 2% della popolazione1, ma è molto spesso sottovalutato e mal diagnosticato: due pazienti su tre non sono sottoposti a una terapia adeguata e possono trascorrere fino a dieci anni prima di una diagnosi corretta. 


Così scrivevamo su Scienza e Salute 2.0 citando anche il parere del professor Carlo Altamura, Direttore della Clinica Psichiatrica dell'Università degli Studi di Milano:


 "Passa troppo tempo fra l'esordio del disturbo bipolare e l'inizio delle cure, con il rischio che pazienti non trattati, lasciati soli, peggiorino inesorabilmente, fino ad andare incontro al suicidio o alla dipendenza cronica da sostanze di abuso (alcol o droghe). L'uso tempestivo di un antipsicotico atipico come la quetiapina, indicato per il trattamento degli episodi depressivi maggiori associati al disturbo bipolare, permette invece, insieme al monitoraggio del paziente nel tempo, di ridurre la cronicità e i rischi di viraggio maniacale. Si blocca così il processo neurodegenerativo che, osservato con moderne tecniche di neuroimaging, è associato a una fase avanzata del disturbo bipolare, comportando la perdita di sostanza grigia e l'assottigliamento degli stati corticali in alcune aree dell'encefalo".


Le persone con disturbo bipolare hanno una diffusa sensazione di perdita di controllo della propria vita, avvertita soprattutto nella fase depressiva: la "faccia" della malattia che crea maggiore disagio all'80% dei pazienti. D'altra parte la fase depressiva si presenta con una frequenza superiore rispetto alla mania di tre (disturbo bipolare di tipo I) o trenta volte (disturbo bipolare di tipo II) ed è associata a un alto rischio di suicidio, che in questi pazienti è circa venti volte più frequente che nella popolazione generale. 


Come si cura il disturbo bipolare?


Ci sono farmaci come la quetiapina, una molecola che presenta un meccanismo d'azione responsabile contemporaneamente dell'effetto antimaniacale e di quello antidepressivo, capace inoltre di prevenire il viraggio verso l'opposta polarità. La quetiapina antagonizza i recettori D2, responsabili della sintomatologia maniacale, mentre il suo principale metabolita attivo (norquetiapina) inibisce il trasportatore della noradrenalina (NET) e quindi il suo re-uptake. Determina così un'azione monoaminergica che è alla base dell'effetto terapeutico degli antidepressivi. 


Aiuta, inoltre, la pratica di un corretto stile di vita sano comprendente le giuste ore di sonno - come raccomanda Giusy Capozzi su Wellness&Performance - e l'attività fisica svolta per venti minuti tre volte a settimana, 


LINK UTILI:


Sinead O' Connor: a febbraio il nuovo album


Sinead O'Connor: cerca un uomo su internet


Sinead O'Connor si è sposta per la quarta volta


Disturbo bipolare II: un corretto stile di vita aiuta


Catherine Zeta-Jones ricoverata per disturbo bipolare


Depressione bipolare: nuove opportunità di cura

  • shares
  • Mail