Doodle Google di oggi: dedicato a Nicolas Steno, padre della geologia

Il Doodle di Google di oggi 11 gennaio 2012 è dedicato allo scienziato Nicolas Steno, il padre della geologia. Nel post una descrizione delle sue teorie più importanti.

doodle_google_1101.jpg


Oggi 11 gennaio 2012 Google dedica il Doodle a Nicolas Steno, meglio noto come Niccolò Stenone, padre della geologia, nato a Copenaghen l'11 gennaio 1638 e morto il 25 novembre 1686. 

Stenone fu uno scienziato completo a cui dobbiamo il merito della scoperta del dotto parotideo - detto anche dotto di Stenone - e della corretta interpretazione della funzione ghiandolare e della distinzione tra ghiandole secernenti e linfonodi.


Dimostrò - riporta Wikipedia - che il cuore è un muscolo, e non la fonte del calore o la sede dell'anima. Interpretò, inoltre, correttamente le circonvoluzioni cerebrali come sede delle funzioni cognitive superiori, ponendosi in contrasto con le allora dominanti teorie cartesiane, e scoprì la funzione delle ovaie e delle tube uterine.


Ma fu soprattutto in campo paleontologico che Stenone segnò la svolta, il cambiamento, diventando niente meno che il padre della geologia.


Mise a punto, infatti, un modo nuovo di classificare i fossili e ricostruire la storia geologica in base al modo in cui questi, e altre rocce, sono contenuti all'interno di rocce più grandi.


Questo - informa sempre Wikipedia - il suo problema fondamentale: 


Data una sostanza in possesso di una certa figura, e prodotta secondo le leggi della natura, trovare nella sostanza stessa le prove che rivelino il posto e il modo della sua produzione.


E questo il principio fondamentale alla base delle sue ricerche:


Se una sostanza solida è simile sotto ogni aspetto a un'altra sostanza solida, non solo per le condizioni della sua superficie ma anche per la disposizione interna delle sue parti e particelle, essa sarà simile anche per modo e luogo della sua produzione.


In base a questo principio, Stenone interpreta correttamente la natura dei fossili come resti di animali vissuti precedentemente. Il caso più famoso è quello delle glossopetre, identificate come denti di squali.


Un altro principio introdotto dal nostro Stenone fu quello della formazione a stampo secondo cui quando un solido naturale è racchiuso in un altro, è possibile dedurre quale dei due si sia indurito per primo osservando l'impronta dell'uno sull'altro; ad esempio si deduce che le conchiglie fossili erano solide prima degli strati che le hanno ricoperte, dall'impronta che esse lasciarono in questi ultimi.


All'opposto, le rocce circostanti erano solide prima delle vene di calcite che corrono al loro interno, poiché esse riempiono interstizi. Sulla base di questi principi - riporta sempre Wikipedia - Stenone riuscì a fornire una scala cronologica relativa di una parte non indifferente di popolazione di rocce e fossili.


La metodologia utilizzata da Stenone ha condotto a conclusioni in grado di rivoluzionare le idee sulla formazione e l'evoluzione della Terra.


LINK UTILI:


Doodle Google Charles Addams: oggi si celebra il creatore della famiglia più "dark"


Doodle Google Natale: il logo interattivo a ritmo di Jingle Bells


Doodle Google oggi: Robert Noyce, inventore del microchip


Doodle Google 8 dicembre: Diego Rivera e il muralismo messicano

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: