Speciale Sant'Anna di Vinadio: marchio di valore grazie a Bio Bottle

L'Acqua Sant'Anna di Vinadio ha ottenuto la leadership a valore con un tasso di crescita importante alimentato prevalentemente dalla vendita delle Bio Bottle.

santanna_biobottle_eco.jpg


In queste settimane, qui su Scienza e Salute 2.0, ci siamo occupati dell'Acqua Sant'Anna di Vinadio, un brand particolarmente attento alle tematiche ambientali.

Per la prima volta, la marca globale Sant'Anna (Sant'Anna con Sant'Anna Bio Bottle, la speciale bottiglia di origine vegetale) ha ottenuto la leadership a valore stimata, secondo i dati diffusi a settembre da Symphony IRI Group, è di 11,4 punti percentuali.


A fronte di un mercato che registra un +1,3 a valore e +1,9% a volume, Sant'Anna mette a segno un trend di crescita che è superiore al 7% su entrambi i fronti.


Si tratta di un tasso di crescita importante dovuto per lo più al prodotto di punta dell'azienda, Sant'Anna Bio Bottle, la prima bottiglia di acqua minerale realizzata con un rivoluzionario materiale naturale che si ricava dalla fermentazione degli zuccheri naturalmente presenti nelle piante.


Sant'Anna Bio Bottle, oltre a risparmiare risorse non rinnovabili e abbattere le emissioni di Co2 in atmosfera, ha la caratteristica di preservare in modo ottimale le caratteristiche del prodotto.


Acqua Sant'Anna è nota e apprezzata, infatti, per essere un'acqua leggera, pura, con un residuo fisso tra i più bassi al mondo (appena 22,3 mg/l) e con un contenuto di sodio minimo (1.9 mg/l).


Le bottiglie di Bio Bottle vendute ogni mese si aggirano sui 5 e 10 milioni, una cifra importante per un prodotto nato sette anni fa, su iniziativa di Alberto Bertone, Presidente e Ad delle Fonti di Vinadio e produttore dell'Acqua Sant'Anna, il cui obiettivo è oggi di convertire l'intera produzione di acqua minerale naturale dal Pet al Pla (poli lactic acyd)


DSC_4888MOD_1280.jpg DSC_5241MOD_1280.jpg DSC_4811MOD_1280.jpg DSC_4823MOD_1280.jpg re_leone_sant'anna.jpg


DSC_5152MOD_1280.jpg DSC_5185MOD_1280.jpg DSC_5230MOD_1280.jpg DSC_5179MOD_1280.jpg DSC_5241MOD_1280.jpg  


Il Presidente di Acqua Sant'Anna Alberto Bertone spiega:


"Se convertissimo l'intera produzione annua che ammonta a 650 milioni di bottiglie avremmo un risparmio considerevole, tale da scaldare per un intero mese una città di mezzo milione di abitanti! Il mercato non può restare insensibile a questi dati."


L'esempio dei risultati ottenuti da Sant'Anna di Vinadio è un'ulteriore riprova del fatto che le aziende che investono per garantire maggiore qualità e valore ai propri prodotti non vengono penalizzate sul mercato, ma anzi contribuiscono a edificare una maggiore solidità nel medio-lungo termine.


DI SEGUITO TUTTI I LINK DELLO SPECIALE SU SANT'ANNA DI VINADIO:


Speciale Sant'Anna di Vinadio: Il Santuario e l'acqua famosa dal 1500


Speciale Sant'Anna di Vinadio: scopriamo la Bio Bottle contro l'inquinamento


Speciale Sant'Anna di Vinadio: l'acqua utile contro ritenzione idrica e cellulite


Speciale Sant'Anna di Vinadio: l'acqua che previene i disturbi alle vie urinarie


Speciale Sant'Anna di Vinadio: l'acqua ideale per neonati e neomamme


Speciale Sant'Anna di Vinadio: una panacea per la salute, ecco le ragioni


Speciale Sant'Anna di Vinadio: amore per la natura e ricchi premi con Il Re Leone Disney


Speciale Sant'Anna di Vinadio: per gli sportivi, Bio Bottle con tappo Push & Pull


Speciale Sant'Anna di Vinadio: torna l'operazione Sant'Anna Ski Card 


Speciale Sant'Anna di Vinadio: marchio di valore grazie a Bio Bottle

  • shares
  • Mail