Ticket sanitario 2011: esenzione e fasce di reddito, quale modulo compilare?

Come viene stabilito quanto pagare di ticket sanitario? Ed è vero che l'autocertificazione per gli esenti non vale più? Tutte le informazioni nel post.

Ticket-visite-anteprima-400x386-476419.jpg


In questi giorni in Rete piovono post e discussioni sul ticket sanitario, su aumenti indiscriminati e ingiustificati e su moduli di esenzione da compilare.


A portare alla ribalta la questione del ticket sanitario, è il Movimento Consumatori che denuncia la scarsa tutela delle fasce più deboli.



Rossella Miracapillo, responsabile dell'Osservatorio Farmaci & Salute del Movimento Consumatori, ha commentato:


"Dalla tabella che abbiamo realizzato risulta che ci troviamo di fronte a 20 sistemi diversi e nella stragrande maggioranza dei casi non sono tutelate le fasce deboli della popolazione. E' aumentata la pressione economica in modo insopportabile su coloro che vivono la condizione di 'malati'. Nessun intervento invece è stato adottato per arginare gli sprechi: consulenze esterne che incidono sulle voci di bilancio, acquisto di macchinari non sempre indispensabili, carenze di controllo sulle prestazioni erogate dalle strutture private convenzionate, mancanza di attivazione di procedure per il risk management, che ottimizzerebbe la filiera, con una conseguente riduzione delle spese, e molto altro ancora"


E aggiunge:


"La spesa per i cittadini è decisamente aumentata per esempio, una persona che si reca al pronto soccorso che dichiara di avere un dolore a livello gastrico, se sottoposto a visita cardiologica, elettrocardiogramma, consulto chirurgico e ecografia, senza che si evidenzi nulla di serio, può pagare anche 130,15 euro (30,00 euro per il cardiologo e l'elettrocardiogramma più 10,00 euro di ticket nazionale, 19,00 euro per la visita chirurgica più 10,00 di ticket nazionale, 36,15 per l'ecografia, 25,00 per il codice bianco)".


 


Per consultare la tabella, regione per regione, dell'applicazione del ticket sanitario vai su Il Serpente di Galeno.


In Rete si discute anche del modulo che si vocifera debba essere compilato per evitare l'assegnazione alla fascia di reddito più alta, come ci spiega Paolo Della Sala su La Pulce di Voltaire:


"A chi non compila entro il 30 Settembre un modulo in cui dichiara il proprio scaglione di reddito, verrà automaticamente applicato il ticket più alto per farmaci e visiteBisogna rivolgersi ai Caf! Questa notizia passa sotto silenzio ed è poco pubblicizzata, sarà forse perché se la gente - colpevole di NON essere stata informata a dovere - pagherà con lo scaglione massimo, e così la burocrazia di Stato incasserà di più?"



Ma cosa c'è di vero in tutto questo?


In realtà la normativa sul ticket sanitario varia da regione a regione: è consigliabile quindi far riferimento alla vostra ASL di riferimento per avere informazioni dettagliate e più precise.


Sul sito del Ministero della Salute leggiamo:


"Nel corso del 2011 entrano gradualmente in vigore nelle Regioni le nuove modalità di verifica delle esenzioni per reddito, stabilite dal Decreto Ministeriale 11 dicembre 2009.


Nelle Regioni che hanno già recepito il Decreto il medico prescrittore (medico di famiglia e pediatra), che possiede la lista degli esenti fornita dal sistema Tessera Sanitaria, all'atto della prescrizione di prestazioni di specialistica ambulatoriale verifica, su richiesta dell'assistito, il diritto all'esenzione (per i codici E01, E03, E04), lo comunica all'interessato e riporta il relativo codice sulla ricetta.


Se l'assistito non risulta nell'elenco degli esenti, il medico annulla con un segno la casella contrassegnata dalla lettera «N» (non esente) presente sulla ricetta. L'assistito, dunque, non deve più apporre nessuna firma sulla ricetta (come accadeva in precedenza e come accade nelle Regioni in cui non sono state ancora recepite le nuove modalità).


Se un assistito ritiene di possedere i requisiti per l'esenzione al ticket per reddito, ma non compare nella lista in possesso del medico, deve rivolgersi alla propria ASL di appartenenza.

In ogni caso, l'esenzione relativa allo stato di disoccupazione (codice E02),  deve essere autocertificata annualmente dall'assistito presso la ASL di appartenenza che rilascia un apposito attestato."

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: