L'alga Klamath e la pelle

Veduta del lago Klamath Recentemente i ricercatori del Centro per lo Studio della Cicatrizzazione dell'Università di Milano, diretto dal Prof. Emilio Trabucchi hanno pensato, considerando la sua preziosa fonte di nutrienti, di utilizzare l'AFA (Aphanizomenon flos aquae o alga Klamath) anche in ambito dermatologico, con l'idea di creare un sinergismo tra un nutrimento interno della pelle e un'applicazione esterna degli stessi principi attivi.


Gli studiosi hanno rilevato che la membrana esterna della cellula dell'alga ha una composizione molto simile a quella della pelle umana. Si pensa che questo fatto possa facilitare il passaggio dei componenti dell'AFA, attraverso le cellule cutanee, in profondità nel derma. Negli studi preliminari, sono stati raggiunti risultati statisticamente significativi in termini di idratazione e di ripristino di integrità del mantello cutaneo, confrontando una crema contenente AFA con una crema placebo.


L'idratazione indotta dalla crema contenente AFA ha raggiunto valori maggiori del 33% rispetto alla crema-controllo. I valori di permeabilità cutanea sono risultati inferiori del 20% rispetto al placebo. Secondo gli studiosi questo risultato indica un ripristino più veloce della barriera epidermica superificiale, e una maggiore capacità di difesa della pelle. Inoltre la pelle trattata con AFA è risultata soggettivamente più luminosa e compatta e meno arrossata una volta esposta a stress ambientali.


Si ritiene che anche l'attività antiossidante dell'AFA venga mantenuta in preparazioni topiche, che potrebbe rappresentare, quindi, un valido aiuto nei programmi di prevenzione contro i danni indotti da radiazioni ultraviolette.


Un'applicazione costante del prodotto si ipotizza possa ritardare i segni legati al fotoinvecchiamento e rallentare la comparsa o l'evoluzione di displasie cutanee legate a insulti ripetuti da parte dei radicali liberi.[*]



Un ottimo prodotto a base di Klamath per la cura della pelle.


---------------------------------
[*] E. Trabucchi et Al., Natural 1. Maggio 2005


@ Per quesiti e approfondimenti scrivi all'autore


 

  • shares
  • Mail