Inquinamento: è allarme per la strage di api e farfalle

Irrorazione di pesticidi su un campo Si aggrava di anno in anno il fenomeno della moria di insetti impollinatori a causa del pesante inquinamento agricolo che diviene sempre più devastante.


Api e farfalle (queste ultime addirittura dimezzate negli ultimi 5-6 anni) diminuiscono sempre più di numero e il problema riguarda molti altri insetti di cui però non si parla.


La causa è «la contaminazione dell'ambiente da parte di agrofarmaci e pesticidi soprattutto quelli di ultima generazione che hanno un impatto più subdolo rispetto a quelli più 'vecchi', perché danno una mortalità non immediata ma di tipo cronico», spiega Marco Lodesani, direttore del Consiglio per la Ricerca e Sperimentazione in Agricoltura (Cra).


Il ministero dell'Agricoltura ha adottato alcune misure 'preventive', come il divieto dell'uso di insetticidi neonicotinoidi nella concia dei semi di mais.


Ma non basta e la perdita di biodiversità animale, come numero di specie e numero di insetti, e vegetale con effetti sulle piante, è assolutamente drammatica.


Occorrono prese di posizione decise e soluzioni drastiche da parte dei governi se vogliamo ancora salvare l'ambiente e il pianeta.


@ Per quesiti e approfondimenti scrivi all'autore

  • shares
  • Mail