Bloccato per pubblicità ingannevole lo spot nucleare

Salvatore Barbera, Responsabile campagna Nucleare Greenpeace Italia, c'informa che il Giurì dell'Autodisciplina Pubblicitaria ha bloccato la messa in onda dello spot promosso dal Forum Nucleare, perché "ingannevole".


nucleare-spot2.jpg


Da quando a dicembre dello scorso anno le tv nazionali hanno cominciato a bombardarci, Greenpeace ha denunciato le informazioni ingannevoli dello spot su tutti i propri canali. In particolare:



  • Le scorie si possono gestire in sicurezza. E da quando? In sessant'anni l'industria nucleare non ha ancora trovato una soluzione per la gestione di lungo termine dei rifiuti nucleari;



  • Tra 50 anni non potremo contare solo sui combustibili fossili. È vero, ma anche l'uranio è limitato; 



  • Le fonti rinnovabili non bastano. Sicuro? Uno scenario energetico 100% rinnovabile è possibile, come dimostrano analisi dell'Ue e dell'industria.


Nel frattempo un contro-spot era rimbalzato sulla rete superando le 200.000 visite.


Greenpeace annuncia anche che tra pochi mesi (la data non è stata ancora fissata) si terrà un referendum che può fermare per sempre i nuovi progetti di centrali nucleari.


@ Per quesiti e approfondimenti scrivi all'autore

  • shares
  • Mail