La città avvelenata

Fumo da ciminiera L'Ilva di Taranto immette nell'atmosfera un quantitativo pari al 90% di tutte le diossine italiane di origine industriale e all'8,8% del totale europeo.


La città, con una quantità di verde pubblico pro capite pari a una foglia d'insalata, è una delle meno vivibili d'Italia.


Da alcuni anni è in corso una dura battaglia da parte dei comitati dei cittadini, sostenuti dalla Regione Puglia, che richiedono all'azienda e al Ministero dell'Ambiente l'abbattimento delle emissioni di diossina e degli altri inquinanti tossici.


"Ormai la diossina è nel terreno, è entrata nella catena alimentare e continua a mietere vittime", affermano gli ambientalisti ed è stata promossa una class action chiedendo danni per 3 miliardi di euro a favore delle vittime dell'inquinamento a Taranto.







Guarda anche la videoinchiesta di Repubblica.


@ Per quesiti e approfondimenti scrivi all'autore

  • shares
  • Mail