Biodiversiamoci

E' in corso nel cuore della città di Rimini Biodiversiamoci, terza edizione di Ambiente Festival, imperniato quest'anno sul binomio biodiversità ed energie sostenibili.


Logo di Ambiente Festival 2010


La biodiversità garantisce la base stessa della vita biologica per ogni abitante della Terra, e sulla questione energetica si basa lo sviluppo e la sopravvivenza delle società contemporanee e future.


Il programma, definito anche in modo partecipato con il coinvolgimento dei principali stakeholders sul territorio, si sviluppa attraverso quattro filoni: Mostre e spettacoli, per "animare festosamente", Incontri, convegni e presentazioni, per "ascoltare facilmente", Laboratori ed educational dedicati ai ragazzi e alle scuole, per "apprendere fattivamente", e Voci del territorio.

Con convegni nazionali, spettacoli teatrali e happenings artistici, talk show, mostre a tema ri-uso e re-design, eventi in piazza, degustazioni a km.0, incontri e dibattiti, presentazione di libri, educationals e laboratori per giovani e adulti, "Boutique etica" e spazi dove le aziende sostenibili, i produttori ecocompatibili, l'associazionismo per l'ambiente e gli enti locali "virtuosi" incontrano la società civile. Più di cento eventi che trasformao Rimini per dieci giorni in un punto di riferimento nazionale delle tematiche ambientali.


Biodiversiamoci ospita, tra le altre iniziative, due momenti "forti": la seconda edizione del Premio internazionale di pittura e design "Rifiuti in cerca d'Autore - Second life" ideato e organizzato dall'Associazione Salerno in Arte, che cura anche il "Progetto Tartamakers", e "Orti e Biodiversità", il contributo di alcuni artisti del collettivo riminese Dinamo Energia Creativa, che hanno creato per il Festival inediti spazi "verdi" urbani tra natura e cultura, evidenziando gli spazi cittadini di "natura ribellata" e coinvolgendo la cittadinanza con laboratori creativi a tema.


Durante il Festival si tengono esposizioni permanenti come RICICLAND, mentre "Un mare di mille e uno racconti" espone le centinaia di copie pervenute di "La bambina che sognava di essere una tartaruga" la storia "biodiversa" che Ambiente Festival ha dedicato a tutti i bambini e le bambine, da loro completata e illustrata. Il progetto si completa con "Tartamakers", la costruzione di un'enorme tartaruga riciclando i rifiuti portati dai visitatori del Festival.


Tutti gli appuntamenti giorno per giorno.


@ Per quesiti e approfondimenti scrivi all'autore

  • shares
  • Mail