Verso una strategia nazionale per la biodiversità

Logo della Decima Conferenza delle Parti sulla Diversità Biologica A pochi giorni dall'inizio della Decima Conferenza delle Parti sulla Diversità Biologica che si terrà a Nagoya dal 18 al 29 ottobre, Il Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha finalmente predisposto una prima bozza di strategia per garantire, a partire dal 2010 e per gli anni a venire, una reale integrazione e il coordinamento tra gli obiettivi di sviluppo del paese e la tutela del suo inestimabile patrimonio di biodiversità.


Il Progetto, che ha visto riuniti otto tavoli tecnici coordinati dal WWF Italia, prende spunto da importanti contributi realizzati in occasione del G8 Ambiente Siracusa 2009 e ha coinvolto numerosi esperti del mondo scientifico ed accademico.


"Una soddisfazione particolare per il Wwf che dall'inizio del 2010, Anno internazionale della biodiversità, ha chiesto al Governo italiano un impegno concreto a tutela della natura" ha detto il presidente Wwf Italia Sfefano Leoni. L'associazione sottolinea come questo "importante documento fosse atteso dal 1994", anno di recepimento nel nostro Paese della Convenzione Internazionale sulla Biodiversità da parte del Parlamento italiano.







@ Per quesiti e approfondimenti scrivi all'autore

  • shares
  • Mail