Ingiusta sentenza per gli attivisti delle balene

Junichi e Toru - due membri di Greenpeace che hanno denunciato la corruzione del programma giapponese di caccia alle balene - sono stati condannati a un anno di reclusione perché ritenuti colpevoli di furto e violazione di domicilio.


Gli attivisti giapponesi delle balene condannati


 


 


 


 


 


 


Junichi e Toru hanno agito per far sapere al mondo la verità sulla caccia alle balene nell'Oceano Antartico smascherando il contrabbando di carne di cetaceo all'interno del programma di caccia giapponese


I due attivisti erano riusciti a intercettare due delle numerose casse contenenti carne di balena, destinate illegalmente a membri dell'equipaggio per uso "privato".


Sono state avviate in tutto il mondo azioni di protesta contro questa sentenza, che rappresenta - dichiara Greenpeace - un freno per la democrazia e per i diritti poiché l'attivismo non è un crimine.


Clicca sull'immagine per maggiori dettagli sulla vicenda.


@ Per quesiti e approfondimenti scrivi all'autore

  • shares
  • Mail