I polifenoli dell'olio combattono l'aterosclerosi

Coppa con olio d'olivaSecondo una ricerca dell'Institut Municipal d'Investigacio Medica (di Barcellona, Spagna), diretta dalla dottoressa Maria Isabel Covas e pubblicata su "The FASEB Journal", l'olio extravergine d'oliva, grazie ai polifenoli modificherebbe i geni che favoriscono l'aterosclerosi, prevenendone lo sviluppo.


Gli studiosi hanno selezionato alcuni volontari sani, dividendoli in 3 gruppi. Il primo gruppo ha ricevuto una dieta mediterranea con olio extravergine d'oliva con alto livello di polifenoli. Il secondo gruppo ha consumato una dieta mediterranea con olio extravergine povero di polifenoli. Il terzo, invece, ha continuato con l'alimentazione normale.


Dopo tre mesi il primo gruppo mostrava una minore attività dei geni collegati all'aterosclerosi nelle cellule mononucleari del sangue periferico, inoltre in questo gruppo i polifenoli mostravano di avere un grande impatto sull'espressione dei geni che influenzano le malattie coronariche.


Non solo, il consumo di olio extravergine nell'ambito di una dieta mediterranea mostrava anche di avere un positivo effetto sull'ossidazione del DNA, sull'insulino-resistenza, sull'infiammazione e sulla carcinogenesi.


Commenta la dottoressa Covas: "Sapere quali geni  possono essere modulati con la dieta in modo sano può aiutare le persone a scegliere un'alimentazione sana. È anche un primo passo per mettere a punto future terapie nutrizionali con alimenti selezionati".


@ Per quesiti e approfondimenti scrivi all'autore

  • shares
  • Mail