Le sentinelle del Made in Italy

Cibi made in Italy


E' da stamani in corso un presidio da parte di più di mille agricoltori con l'obiettivo di scoprire il 'finto Made in Italy' trasportato sui camion. I marchi nazionali, afferma infatti Coldiretti, sono "minacciati dalle importazioni di 'schifezze' vendute come italiane".


Si protesta quindi contro i ritardi dell'Unione Europea nel rendere obbligatoria l'indicazione di origine degli alimenti e a sostegno delle iniziative di legge nazionali.


Oltre al presidio alla frontiera, squadre di 'sentinelle' seguiranno i carichi stranieri dal Brennero fino alla loro destinazione in Lombardia, organizzando "comitati di accoglienza" di fronte agli stabilimento di arrivo. Monitorati in modo particolare i colossi Lactalis-Galbani a Corteolona (Pavia) e Sterilgarda a Castiglione delle Stiviere (Mantova), che sono fra i più grandi importatori di latte straniero in Italia.


Lo scandalo delle mozzarelle blu è solo la spia rivelatrice di una situazione che vede centinaia di prodotti alimentari stranieri di scarsa qualità spacciati come nostrani a danno dei consumatori e dei coltivatori che chiedono al governo, con questa azione dimostrativa, di fare definitivamente chiarezza e mettere in atto gli adeguati provvedimenti.


@ Per quesiti e approfondimenti scrivi all'autore

  • shares
  • Mail