Uranio impoverito, risarcimento a chi s'ammala

Arma all'uranio impoveritoL'uranio impoverito (in inglese "depleted uranium, DU") è uno dei materiali di scarto della raffinazione dell'uranio naturale impiegato a scopi militari, all'interno di armi non convenzionali, o civili, come combustibile per alcuni tipi di reattori nucleari.


Si tratta di un metallo pesante, radioattivo e altamente tossico. Una volta usato, esso rimane nell'ambiente per un lunghissimo periodo di tempo causando un inquinamento persistente del suolo e delle acque che è all'origine di gravi patologie.


Recentemente nel Consiglio dei ministri si è discusso dei risarcimenti per chi, militare o civile, abbia contratto malattie connesse all'esposizione a tale metallo.


È stato infatti approvato uno schema di regolamento per la previsione del riconoscimento di cause di servizio e la corresponsione di adeguato indennizzo al personale impiegato in missioni all'estero, in poligoni di tiro e in siti dove vengono stoccate munizioni, nonché al personale civile che opera in zone di conflitto o in prossimità di basi militari, che abbiano contratto infermità o patologie tumorali connesse all'esposizione o all'utilizzo di proiettili all'uranio impoverito e alla dispersione di nano-particelle di metalli pesanti.


Sul testo si attende ora il parere del Consiglio di Stato.


Fonte: Corriere della Sera


@ Per quesiti e approfondimenti scrivi all'autore

  • shares
  • Mail