Lo psicofarmaco per i bambini "piace" a genitori e insegnanti

Il dott. Daniele Aprile riporta nel suo blog i risultati di un recente studio condotto da neuropsichiatri infantili sugli effetti della somministrazione di farmaci per la cosiddetta sindrome da deficit di attenzione e iperattività (ADHD).



genitori_bimbo_01.jpg


 


L'esito più singolare si è visto, utilizzando il placebo, non tanto sui ragazzi ma sui genitori e sugli insegnanti o sugli psicologi che hanno in cura i bambini.


Essi infatti tendevano a guardare più favorevolmente e a prendersi meglio cura dei bambini che in realtà stavano assumendo delle innocue pillole di glucosio.


L'aspetto preoccupante della faccenda è che, se gli educatori sono portati a dare comunque un feedback positivo sull'efficacia del farmaco, si tenderà a prescriverne di più e in modo più esteso aumentando i rischi per la salute dei piccoli.


Leggi il post di Psiche e Soma.


@ Per quesiti e approfondimenti scrivi all'autore

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: