Zaia pensiero: presto avremo le etichette alimentari in dialetto

Nel 2010 assieme ai termini merceologici finora utilizzati leggeremo sui banchi alimentari anche radicio de Treviso, fugassa, fresella, malloreddus ecc.


Secondo il il Ministro delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, Luca Zaia "il nome locale racchiude in sé la storia del territorio" ed egli esorta perciò i produttori ad indicare da subito la denominazione del prodotto nella lingua madre, in attesa che ciò divenga obbligatorio per legge.











Ma secondo lei, caro ministro, non ci sarebbero altre priorità vista la grave crisi in cui versa la nostra agricoltura?


@ Per quesiti e approfondimenti scrivi all'autore

  • shares
  • Mail