Cibi scaduti e frodi alimentari: quali rischi per la salute?

Ispezione in magazzino di alimentiOltre 4.000 tonnellate di alimenti scaduti sono state sequestrate la scorsa settimana dai carabinieri del Nas di Salerno in un deposito di Battipaglia. All'interno della ditta, in locali abusivi e privi dei requisiti igienici era inoltre in corso la rietichettatura della merce, tramite la cancellazione della vecchia data di scadenza mediante solventi chimici o l'asportazione delle etichette precedenti attraverso l'immersione delle confezioni in vasche d'acqua. Sequestrata l'intera struttura commerciale. [Fonte: ANSA]


Nel frattempo i carabinieri del Nas di Torino hanno sequestrato circa 2.800 confezioni di bugie, i dolci tipici di carnevale in un panificio industriale nei dintorni di Chivasso. In tutto 600 chili di dolcini ripieni di marmellata e cioccolato risultati ammuffiti. [Fonte: Agricoltura Italiana]

Già nelle prime tre settimane del 2009 erano state effettuate sul territorio nazionale 717 ispezioni in depositi di alimenti e sequestrate mille tonnellate di cibi avariati e in cattivo stato di conservazione per un valore complessivo di 8 milioni di euro. [Fonte: Il Giornale]

Avevamo già segnalato in passato alcuni episodi di mal-cibo come la truffa dei formaggi scaduti che venivano rimescolati e riforniti alle grandi marche e altre frodi alimentari di vario genere, che purtroppo non sono così infrequenti nel nostro paese.


Cosa ci può succedere se mangiamo cibo contraffatto? Dipende se il prodotto è solamente scaduto o è avariato e se si tratta di cibi secchi o freschi.


Normalmente le date di scadenza hanno un buon margine cautelare e gli alimenti secchi in generale non creano problemi anche dopo qualche tempo dalla scadenza.


Diverso è per i prodotti freschi i quali invece degradandosi sviluppano tossine. Se il cibo è avariato potrebbero esserci conseguenze anche molto serie, come avvenne qualche anno fa a causa dellla presenza del botulino, una neurotossina che può essere anche letale, in una partita di mascarpone mal conservata fornita ad alcuni supermercati.


Possiamo però accorgerci se un cibo è veramente andato a male dall'aspetto e dall'odore. Se ad esempio la confezione è gonfia e quando si apre non mostra il suo colore naturale, ci sono segni di muffa o puzza conviene buttarlo via.


Un'altra precauzione è quella di evitare di consumare alimenti crudi se non assolutamente freschissimi. In questo caso basta cuocerli. La cottura infatti sterilizza tutto e non correremo rischi di intossicazione.


@ Per quesiti e approfondimenti scrivi all'autore

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: