Gli antiossidanti della Klamath

Molecola antiossidante Col termine antiossidanti si indica un gruppo eterogeneo di sostanze che hanno la capacità di contrastare efficacemente i radicali liberi e proteggere le cellule dalla degenerazione e dall'invecchiamento. Ne fanno parte vitamine, minerali, aminoacidi essenziali, pigmenti.


L'Aphanizomenon flos aquae o alga Klamath è caratterizzata da uno spettro completo sia di vitamine, sia di minerali e oligoelementi in una forma altamente assimilabile. In particolare è ricchissima di pigmenti come la clorofilla e di ficocianine, molecole dotate di elevate proprietà antiossidanti e antinfiammatorie.


Le ficocianine della Klamath hanno dimostrato di proteggere il sistema cardiovascolare dalla ossidazione dei grassi[1] e sono degli inibitori selettivi di alcuni dei principali enzimi (COX-2, lipossigenasi), responsabili dei processi infiammatori[2]


La Klamath è anche una delle maggiori fonti di beta-carotene nella forma trans altamente assimilabile. Grazie alla sua sinergia con gli altri 14 caroteni, gli acidi grassi e gli altri fattori nutrizionali, il beta-carotene della Klamath ha un tasso di assimilazione veramente unico, come dimostrato da uno studio nel quale i partecipanti, dopo un mese di assunzione dell'alga, hanno ottenuto un aumento medio del 60% di retinolo plasmatico, la forma attiva della vitamina A che svolge essenziali funzioni di protezione del sistema cardiocircolatorio, del sistema nervoso, della vista e della pelle.[3]


----------------------------------------
1. Benedetti S., Scoglio S. et al., Antioxidant properties of a novel phycocyanin extract from the blue-green alga Aphanizomenon flos-aquae, in Life Sciences 75 (2004) 2353-2362. Vedi anche Bhat V.B., et al, C-phycocyanin: a potent peroxyl radical scavenger in vivo and in vitro, in Biochen Biophys Res Commun., 2000; 275(1): 20-25.
2. Reddy C.M., et al., Selective Inhibition of cyclooxygenase-2 by C-phycocyanin, in Biochem Biophys Res Commun. 2000; 277(3): 599-603, p. 601; Romay C., et al, in J Pharm Pharmacol. 1999, 51(5):641-42.
3. Vedi Benedetti S., Scoglio S., et al., Stato antiossidante e perossidazione lipidica in risposta alla supplementazione con alga Klamath, in Medicina Naturale, 2003, Novembre, n°6, pp.67-71.


@ Per quesiti e approfondimenti scrivi all'autore

  • shares
  • Mail