Minerali vegetali fossili

ambiente di estrazione di minerali fossiliI minerali estratti da vegetali fossili hanno notevoli vantaggi rispetto a quelli di derivazione "metallica" provenienti dalle rocce e dal terreno, soprattutto perché, essendo stati pre-digeriti dalle piante risultano molto più facilmente assorbibili.


Questi minerali possiedono la caratteristica di essere idrofili e di avere dimensioni molto piccole, il che ne aumenta anche la superficie globale rendendoli più veloci ed efficaci.


Il composto più ricco e completo è sicuramente Vegimineral, una speciale miscela di minerali provenienti dalla più grande miniera di depositi fossili al mondo, che si trova nello Utah. L'entità di tali depositi è stata stimata intorno ai 320 milioni di tonnellate di riserve fossili, risalente presumibilmente a circa 70 milioni di anni fa.


La maggior parte dei supplementi alimentari di minerali ne contiene una quantità limitata di origine "metallica idrofoba", cioè provenienti da sali marini, gusci di ostrica, argilla, limo o estratti dalle rocce e dal sottosuolo. Questi minerali risultano di difficile assimilazione; alcuni nutrizionisti hanno valutato che il tasso di assimilazione dei minerali metallici non supera l'8%.


I minerali di derivazione vegetale, al contrario, sono "vivi", cioè enzimaticamente attivi, in quanto non sono stati distrutti dal calore o alterati da sostanze chimiche, e perciò risultano completamente assimilabili da parte del nostro organismo.


Vegimineral contiene oltre 70 tra macro e microminerali. Derivando da vegetali essi sono naturalmente chelati [1], dunque perfettamente assimilati dal nostro corpo.


Unito in speciali formulazioni all'alga Klamath, ne amplia e completa ulteriormente e sinergicamente il già ampio e biodisponibile spettro nutrizionale.


-------------------------------------------
[1] La chelazione indica in natura un processo con cui i metalli inorganici formano complessi con la materia organica. Esso consente il trasporto e l'utilizzazione delle sostanze. Tipico è l'esempio del ferro con l'emoglobina.


@ Per quesiti e approfondimenti scrivi all'autore

  • shares
  • Mail