Il fabbisogno di iodio

L'apporto normale giornaliero di iodio è di 150-300 microgrammi, ma il fab­bisogno aumenta nell'adolescenza e nella gravidanza. L'uso abituale di sale iodato sarebbe sufficiente per garantire un quantitativo adeguato.


Lo iodio si trova ancora nelle alghe marine, nell'olio di fegato di pesce, nell'acqua di mare, nell'aglio, nella cipolla, nei broccoli, nelle rape, nel crescione.


Questo elemento è indicato negli squilibri funzionali della tiroide, nell'iper­tensione arteriosa, nell'obesità, nel reumatismo, nel gozzo, nelle affezioni pol­monari, nell'indurimento delle arterie. Composti a base di iodio vengono infatti usati nella terapia sia dell'ipotiroidismo sia, in piccole dosi, dell'ipertiroidismo.


@ Per quesiti e approfondimenti scrivi all'autore

  • shares
  • Mail