Macro e micronutrienti

fonti alimentari di nutrientiLa scienza della nutrizione c'insegna che i macronutrienti, cioè proteine, carboidrati e grassi, sono essenziali, ma che il loro catabolismo nell'organismo avviene per la presenza dei biocatalizzatori: per essere metabolizzati infatti richiedono, oltre alle vitamine ed ai sali metallici, anche certi amminoacidi e acidi grassi, nonché enzimi, sostanze aromatiche e forse altri principi, ancora sconosciuti, che vanno distrutti nella preparazione delle vivande. I cosiddetti micronutrienti.


Nella preparazione di prodotti tecnicamente raffinati, si perdono in gran parte i preziosi biocatalizzatori. Nella farina ottenuta dal grano di frumento con una macinazione al 70% si perde metà del calcio e del magnesio, tre quarti del fosforo e del potassio, sei settimi del ferro, tré quarti del rame; si distrugge il 70-85% della vitamina B1 e della vitamina PP (che preserva dalla pellagra) ed il 100% della vitamina E.


Perdite analoghe si hanno nell'industrializzazione della produzione dell'olio dalle olive oppure della fecola dalle patate. Facendo cristallizzare lo zucchero, le vitamine si perdono quasi completamente. Un'alimentazione a base di alimenti privi di biocatalizzatori può portare a fenomeni carenziali, a meno che si integrino con i supercibi selvatici i micronutrienti mancanti.


@ Per quesiti e approfondimenti scrivi all'autore

  • shares
  • Mail