Protezione e prevenzione: come agiscono le ficocianine?

polveree succhi di microalgheAbbiamo parlato la scorsa settimana delle proprietà e caratteristiche salutari delle ficocianine, i pigmenti che forniscono la tipica colorazione alle microalghe (vedi i vari post a partire da qui). Ma come agisce questa sostanza per la protezione delle cellule dell'organismo?


La ficocianina (FC) è una biliproteina idrosolubile presente nelle alghe verdi-azzurre con funzione di pigmento fotosintetico accessorio. La ricerca ha scoperto che ha importanti capacità antiossidanti, poiché inibisce la perossidazione lipidica sia negli epatociti che negli eritrociti e protegge in tal modo il DNA dal danno ossidativo.


L'estratto naturale contenente FC ottenuto dalla microalga Aphanizomenon flos aquae (alga Klamath) ha mostrato, in studi controllati, di essere attivo anche a concentrazioni bassissime, nel range del nanomolare; infatti, per valori di FC di 500 nM, la formazione di dieni coniugati (prodotti precoci della lipoperossidazione) è per lo più inibita. Allo stesso modo, per un valore di FC di 300 nM si ha una riduzione dell'86% nella formazione di malonildialdeide, un prodotto tardivo della perossidazione dei lipidi plasmatici.


La ricerca clinica ha verificato l'efficacia protettiva in vivo dell'estratto di FC verso lo stress ossidativo dopo supplementazione orale in soggetti sani.


@ Per quesiti e approfondimenti scrivi all'autore

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: