Conservare meglio i nutrienti: il FAD

Attrezzatura per il FADCirca una dozzina di anni fa alcuni produttori di estratti concentrati da alimenti (es. frutta e verdura), considerati i limiti della liofilizzazione cominciarono a sperimentare nuovi e apparentemente migliori sistemi di essiccazione che conservassero meglio i componenti nutrizionali presenti nel prodotto di origine.


Tra questi buoni risultati mostrò il Flash Air Drying che consentiva di mantenere una maggiore integrità dei nutrienti nei cibi sottoposti a essiccazione.


A differenza della liofilizzazione (Spray e/o Freeze Drying), che è la tecnologia tuttora comunemente usata per essiccare gli alimenti, nel FAD (Flash Air Drying) non viene utilizzata né congelazione, né centrifugazione, né insufflazione di aria ad alta temperatura, ma istantanei 'flash' di aria (max. 3 secondi) a media temperatura.


Il metodo FAD rimuove quindi l'acqua in maniera più dolce e attenta, a temperatura bassa e accuratamente controllata. Il trattamento è delicato e non snatura le proteine degli enzimi. Sia le proteine della cellula sia quelle degli enzimi rimangono in buona parte intatte, complete e ben conservate.


Oggi esistono, soprattutto per i protonutrimenti, tecnologie ancora più evolute del FAD, che consentono di preservare totalmente il loro potenziale nutritivo. Ne riparleremo.


@ Per quesiti e approfondimenti scrivi all'autore

  • shares
  • Mail