Salvarsi dai pesticidi: bambini a rischio

Bombi che giocano nei campiDa uno studio di medici e epidemiologi, riportato dalla rivista Environmental Health Perspective condotto su bambini tra 1 e 6 anni, figli di lavoratori agricoli nello stato USA della Carolina del Nord, è risultato che quasi il 90 per cento aveva tracce di pesticidi nelle urine.[1]


I bambini, per l'età e poiché l'organismo è in fase di rapido accrescimento, sono esposti al rischio ancor più degli adulti.  Danielle Nieremberg, ricercatrice del Worldwatch Institute di Washington afferma: "L'effetto di sostanze tossiche sul loro sistema neurologico può essere devastante."


I figli degli agricoltori sono probabilmente maggiormente esposti perché abitano vicino ai campi in cui lavorano i genitori, ma anche i bambini che vivono in città sono a contatto con sostanze chimiche, di uso domestico, non meno nocive e forse meno controllate.


Del rischio rappresentato dai pesticidi abbiamo già parlato qui e qui. Non va sottovalutato, poiché si tratta di rischio a lungo termine, e riguarda non solo chi manipola direttamente questi prodotti, ma tutti i consumatori.


Leggi l'articolo completo di Marina Forti sul Manifesto.


<p style="text-align: left;"><span style="font-family: arial, helvetica, sans-serif;">@ Per quesiti e approfondimenti <a href="https://about.me/luigigallo" target="_blank">scrivi all'autore</a></span></p>

---------------------------------
1. Environmental Health Perspectives Volume 115, Number 8, August 2007


@ Per quesiti e approfondimenti scrivi all'autore

  • shares
  • Mail