Manipolare l'informazione: la confessione di un professionista

vignetta su conferenza stampaIeri abbiamo visto come utilizzando la tecnica del comunicato stampa si possa orientare, nel campo medico-farmaceutico, verso la prescrizione e la richiesta di determinati farmaci servendosi di campagne mediatiche opportunamente indirizzate. Mostravamo anche come, per aumentare la vendita, si possano generare addirittura false notizie scientifiche.


Esistono dei veri e propri professionisti dell'informazione e della comunicazione che si occupano di  "massaggiare il messaggio", cioè di fornire ai giornalisti e ai media una versione "aggiustata" di un evento-notizia.

Si tratta di "uomini ombra" la cui caratteristica principale è quella di essere indifferenti alla verità dei fatti e di essere abili nel manipolarla per renderla attraente all'occhio del pubblico. E' ad esempio colui che suggerisce alla stampa di non titolare in prima pagina "Aumento delle tasse" ma "Riassetto fiscale".


Il termine utilizzato per questa figura professionale è Spin doctor che in inglese significa dottore del raggiro, manipolatore di opinioni. Come spiega la voce relativa di Wikipedia, spin è un effetto particolare che si dà alla palla da baseball, e questo significato è stato assunto per indicare la forma speciale che il consulente dà alle notizie da divulgare.


Come operano ce lo svela Eric Sparling, un ex consigliere pentito: "...Noi scriviamo articoli come i nostri clienti vogliono che li scriviamo, li mandiamo ai giornali, alle riviste o alle varie TV e i giornalisti a loro volta scrivono articoli usando le nostre informazioni (...)  Se siamo fortunati, può succedere che contattiamo giornalisti sovraccarichi di lavoro o pigri che non hanno il tempo o l'energia di uscire con un articolo con la loro propria visione, fonti o citazioni e usano le nostre informazioni, le nostre ricerche, le nostre priorità. Ogni giorno inizia scorrendo i giornali per trovare articoli che riguardano i nostri clienti. Poi arriva un fax da una società che scandaglia le stazioni radio e TV e ci informa se è stato trasmesso qualcosa che riguarda i nostri clienti durante la settimana. Quando abbiamo in mano gli articoli, li ispezioniamo per vedere se appare la nostra "storia" dentro il pezzo scritto dal giornalista. Alcune volte il titolo è lo stesso dell'articolo che abbiamo inviato. Altre volte è proprio l'articolo così come l'abbiamo scritto, con l'unico cambiamento del nome del giornalista aggiunto sotto al titolo. Quando questo succede, lo chiamiamo *Bel colpo!* e lo inviamo al nostro cliente come giustificazione per l'astronomica parcella..."


Leggi la testimonianza completa su medicinenon.


@ Per quesiti e approfondimenti scrivi all'autore

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: