Prevenzione: basta davvero mangiar bene?

capsule di verdi-azzurre in piattoUno degli argomenti più usati da chi sostiene l'inutilità degli integratori di vitamine e di minerali è che si può assumere tutto ciò che serve al nostro organismo dai cibi seguendo le regole di una sana nutrizione.


Non ha dubbi la rivista Altroconsumo che nel suo supplemento Salutest del 4 aprile scorso afferma: "...assumere integratori di vitamine e minerali, pensando che possano migliorare il nostro stato di salute è inutile e a volte dannoso. Perché una pillola ci può indurre a trascurare la più importante e benefica fonte di queste sostanze, cioè la corretta alimentazione."


Netto anche il giudizio di Silvio Garattini, direttore dell'Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri, da sempre fortemente critico sui prodotti multivitaminici: "...è inutile l'eccesso di vitamine, in ogni forma. Ciò che va incoraggiata è invece un'alimentazione varia e moderata".


@ Per quesiti e approfondimenti scrivi all'autore

Si associa alla bocciatura degli integratori Luigi Gatta, responsabile dell'Area clinica Medicina dello sport della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale): "...la dieta tipica della nostra cultura alimentare è sufficiente a coprire il fabbisogno di vitamine. Ricca com'è di frutta e verdura contiene gli antiossidanti di cui ha bisogno il nostro organismo."


Potremmo essere d'accordo, ma purtroppo c'è un piccolo problema che gli illustri esperti non hanno considerato: solo negli ultimi 15-20 anni la maggior parte degli alimenti ha perso, come recenti studi dimostrano, oltre il 50% dei propri valori nutritivi e rispetto ai decenni ancora precedenti si parla di più del 70% e oltre!


Cari Prof. Garattini e Dr. Gatta, il vostro assunto sarebbe perfettamente valido se tornassimo un secolo indietro ma, stando a quanto riportato dalle analisi sul depauperamento dei terreni, siete proprio così sicuri che gli alimenti attuali siano sufficienti a garantire tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno?


E' fondamentale una buona alimentazione, ciò è indubbio, ma oggi, per evitare carenze, spesso serve anche arricchire i pasti con opportuni supplementi. Inutile sparare a zero sugli integratori. Cerchiamo ovviamente quelli davvero utili e possibilmente ricavati da fonti naturali (abbiamo visto nel post precedente che quelli di sintesi possono causare ulteriori scompensi o danni) più completi e assimilabili, meglio ancora se cibi essi stessi come i protonutrimenti.


@ Per quesiti e approfondimenti scrivi all'autore

  • shares
  • Mail