Dietologo arrestato e paradossi sanitari

assunzione di farmacoFa certamente scalpore, per giornalisti a caccia di facili scoop, la notizia del dietologo arrestato avantieri perché prescriveva "stupefacenti" per aiutare i propri pazienti a dimagrire.


Non si dice però che egli in effetti continuava a prescrivere, seppur contro la legge, farmaci che fino a qualche anno fa erano regolarmente consentiti e ammessi e di cui si è abusato per oltre 50 anni in modo perfettamente legale col beneplacito delle autorità sanitarie, provocando danni notevoli e talvolta irreparabili a migliaia di persone. In pratica si tratta di anfetamine o composti analoghi, definiti anche farmaci anoressizzanti.

Ovviamente è stato un bene toglierli finalmente dal commercio, ma ciò non ha impedito che, successivamente, farmaci a base di sostanze amfetaminosimili venissero reintrodotti con differente target. Vedi ad esempio il caso del ritalin prescritto addirittura ai bambini. Sono i famosi paradossi sanitari di cui abbiamo parlato in un precedente post.


Anche i farmaci attualmente prescritti per il trattamento dell'obesità non sono esenti da rischi. L' orlistat ad esempio ha controindicazioni per l'intestino ed è sospetto addirittura di favorire il tumore del colon. La sibutramina, un altro farmaco molto utilizzato, è controindicata invece per i cardiopatici.


Esistono invece, come abbiamo visto in post inerenti, sostanze nutraceutiche naturali, che non fanno certo miracolosamente dimagrire senza modificare anche la dieta e lo stile di vita, ma agiscono in modo fisiologico per ottimizzare il metabolismo e soprattutto senza danni.


Domani parleremo ancora di farmaci e di quello che normalmente non si sa o non si dice su di essi.


@ Per quesiti e approfondimenti scrivi all'autore

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: