Altri vantaggi dei fruttoligosaccaridi

topinambur: fiori e rizomaIeri abbiamo parlato dei fruttolifosaccaridi (FOS) come ottimi prebiotici. Vediamo altri vantaggi del loro uso.


Benefici possono trarne tutti coloro che hanno in corso o hanno appena terminato una terapia antibiotica. Si sa infatti che gli antibiotici creano forti squilibri alla flora batterica intestinale e l'unione di probiotici di qualità e FOS contribuisce a restaurare l'eubiosi intestinale.

Sono utili anche a chi segue un'alimentazione carente o poco bilanciata, a chi viaggia di frequente e può quindi essere a rischio di infezioni intestinali, a chi è sottoposto a particolare stress (forti tensioni emotive possono alterare la microflora), a chi vive in ambienti inquinati o è a contatto con sostanze tossiche che distruggono i "batteri amici" e in generale a tutti coloro che vogliono migliorare digestione, assimilazione e potenziare le proprie difese immunitarie.


In caso di diabete i FOS aiutano a diminuire gli sbalzi glicemici e, prevenendo la formazione di composti tossici, migliorano la funzionalità epatica.


Studi suggeriscono che i FOS siano efficaci anche nella prevenzione cardiovascolare poiché contribuiscono a ridurre lipidi e colesterolo e a regolarizzare la pressione sanguigna.


Per la loro capacità di migliorare la resistenza alle infezioni i FOS possono essere di grande aiuto soprattutto a chi deve sottoporsi a cure farmacologiche o lunghe degenze ospedaliere e quindi è maggiormente a rischio di infezioni batteriche. Anche in tal caso ovviamente il massimo beneficio è dato dall'unione di FOS e probiotici di qualità.


I FOS sostengono la produzione endogena di varie vitamine e migliorano l'assorbimento minerale. Alcune ricerche indicano che i FOS promuovono l'assorbimento a livello intestinale di ferro e calcio aiutando così a prevenire l'anemia e la perdita di densità ossea.[*]


[*] Ohta, A., et al., Dietary fructooligosaccharides prevent postgastrectomy anemia and osteopenia in rats - Dietary fructooligosaccharides prevent osteopenia after gastrectomy in rats, J Nutr (1998), 128(3):485-90 e 128(1):106-10


@ Per quesiti e approfondimenti scrivi all'autore

  • shares
  • Mail