Prevenire l'invecchiamento cellulare

azione di sostanze antiossidantiAbbiamo visto ieri che, dal punto di vista biochimico, i radicali liberi sono frammenti di molecola dotati di un elettrone spaiato che si formano nelle cellule in seguito alle normali reazioni metaboliche.


Possono però anche prodursi in seguito a stimoli esterni: radiazioni ionizzanti, elevata tensione di ossigeno, sostanze chimiche di varia natura.


In condizioni fisiologiche vi è uno stato di equilibrio tra la produzione endogena di radicali liberi e la loro neutralizzazione da parte dei meccanismi anti-ossidanti di difesa. Quando prevale la produzione di radicali si viene a determinare un danno, definito stress ossidativo, che, a lungo andare, comporta una progressiva usura.


Esiste però come dicevamo nel post precedente un naturale sistema di difesa detto antiossidante. Esso comprende meccanismi enzimatici e meccanismi non-enzimatici. Tra i primi vi è la superossidodismutasi, la catalasi e il glutatione ridotto. Tra le sostanze non enzimatiche ricordiamo la vitamina E, la vitamina C, i carotenoidi, i polifenoli, le antocianine ecc.


Vedremo come i protonutrimenti possono aiutarci a rafforzare questo sistema di difesa contro l'eccesso di radicali liberi.


@ Per quesiti e approfondimenti scrivi all'autore

  • shares
  • Mail