Alga Klamath e permeabilità intestinale

pAREte intestinale con villiL'integrità della mucosa intestinale può essere valutata in maniera non invasiva mediante la misurazione del rapporto di escrezione urinaria di due sostanze-test somministrate per via orale, sostanze che presentano un diverso indice di permeabilità: una molecola più grande, un disaccaride (lattulosio o cellobiosio) ed una più piccola, un monosaccaride (mannitolo o L-ramnoso).


Nei pazienti con danno alla mucosa intestinale si avrà un comportamento paradossale di questi zuccheri, vale a dire che passeranno più facilmente molecole più grandi (il disaccaride) rispetto a quelle più piccole (il monosaccaride).


Tutto questo si traduce, nelle persone con alterata permeabilità intestinale (allergia alimentare, celiaci, morbo di Crohn,  terapia con FANS, ecc...), in un significativo aumento dl rapporto di escrezione urinaria disaccaride/monosaccaride rispetto ai soggetti sani. La sensibilità di questo test appare sufficientemente alta (90%) ma rimane comunque un esame poco diffuso, malgrado la facilità d'esecuzione, la non invasività e il basso costo.

Proprio attraverso l'uso di questo test, si sono potuti facilmente osservare gli effetti positivi del consumo di microalghe Klamath sulla permeabilità intestinale. Uno studio a doppio cieco effettuato nell'Università del New Mexico ha dimostrato che l'uso della Aphanizomenon flos aquae del lago Klamath è in grado di restaurare la normale permeabilità intestinale dopo un solo mese. Questo risultato è stato ottenuto misurando il grado di permeabilità intestinale per l'appunto con il test lattulosio/mannitolo.[1]


------------------------
1. Lo studio, che ha coinvolto ben 90 soggetti, è citato da C. Drapeau, N.Solomon, in Optimal Health Journal, August 1998


@ Per quesiti e approfondimenti scrivi all'autore

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: