Acidi grassi ed eicosanoidi

Libro su eicosanoidiGli acidi grassi essenziali (AGE) sono l'acido linoleico e l'acido alfa-linolenico, da cui derivano gli omega-6 e gli omega-3, definiti anche acidi grassi polinsaturi (PUFA).  Tra gli omega-6 l'acido arachidonico e tra gli omega-3 l'acido eicosapentaenoico (EPA) e l'acido docosaesaenoico (DHA) hanno una particolare importanza come precursori degli eicosanoidi.


Gli eicosanoidi sono molecole costituite da 20 atomi di carbonio (éikosi significa 20 in greco) in grado di modulare alcune risposte endocrine. Sono rappresentati da diverse famiglie di  di sostanze (prostaglandine, tromboxani, leucotrieni, ecc.). Si comportano come mediatori intercellulari e/o come ormoni ad azione locale e rivestono una grande importanza fisiologica specialmente nel controllo dei processi infiammatori.


Gli eicosanoidi derivati dall'acido arachidonico (AA) hanno la capacità di aumentare le reazioni allergiche, la proliferazione cellulare, la pressione sanguigna, le reazioni infiammatorie, l'aggregazione piastrinica, la trombogenesi e il vasospasmo, accrescono il colesterolo LDL e diminuiscono il colesterolo HDL. Quelli derivati dall'acido eicosapentaenoico (EPA) e dall'acido docosaesaenoico (DHA), hanno effetti opposti.


Il rapporto tra acido arachidonico (omega-6) e acidi eicosapentaenoico e docosaesaenoico (omega-3) risulta dunque efficace nel valutare l'equilibrio tra le azioni controllate dagli eicosanoidi, e utile nell'instaurare un regime dietetico ottimale. Vedremo domani come.


@ Per quesiti e approfondimenti scrivi all'autore

  • shares
  • Mail