Nemesi medica: chi era Ivan Illich?

Immagine di Ivan IllichIvan Illich fu un critico acuto e radicale della civiltà industriale e delle istituzioni moderne, anticipò i no- global e scrisse vari libri nei quali attaccò molti presupposti, dati per scontati, nel campo dell'economia, della medicina, dell'istruzione e della religione (vedi articolo Il pensiero di Ivan Illich di Giannozzo Pucci).


Nel 1976 scrisse Nemesi medica, in cui contestava la medicina ufficiale e l'estensione del suo potere sulla società. Per Illich la medicina provoca non solo essa stessa la malattia (iatrogenesi) ma diventa una macchina per creare consumatori incapaci di avere consapevolezza e saper autogestire la propria salute.


Essa infatti produce di continuo nuovi bisogni terapeutici e via via che l'offerta di sanità aumenta si generano nuovi problemi e malattie (famosa la statistica con cui mostrò che, in seguito a uno sciopero ospedaliero in Francia, senza medici c'era stata una sensibile diminuzione di decessi).


Sono passati più di 30 anni e, seppur alcune tesi potrebbero apparire troppo estreme o datate, la riflessione di Illich resta per molti versi ancora attuale. I problemi e i limiti della medicina occidentale che egli aveva individuato si esplicano oggi nella grande manipolazione operata dalle multinazionali farmaceutiche che crea non solo nuovi ammalati, ma spesso con la complicità del potere politico mira ad escludere del tutto la possibilità di una reale prevenzione e la libertà di scelta terapeutica.


Per saperne di più su Ivan Illich ecco il link a un sito italiano a lui dedicato.


@ Per quesiti e approfondimenti scrivi all'autore

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: