Il colesterolo non è la causa - I

prelievo per esami del sangueE' noto ai medici che l'80% delle persone colpite da attacco cardiaco NON avevano elevati livelli di colesterolo nel sangue, prima degli attacchi. Eppure  è profondamente radicata, nella nostra cultura, l'idea che il colesterolo sia la causa principale delle affezioni cardiache.


Sappiamo anche, dagli studi sui farmaci ipocolesteromizzanti, che essi possono dare solo un beneficio marginale, come la riduzione dell'1% dei rischi ipotetici di malattia cardiaca in un periodo di 8 anni, producendo al contempo gravi effetti collaterali: danni epatici, deterioramento dei tessuti muscolari, blocchi renali... fino al decesso dei pazienti.


Come mai allora questa teoria è così diffusa? C'è chi sostiene che da una parte il colesterolo è relativamente facile da misurare, mediante un semplice e poco costoso esame del sangue, dall'altra, se i nostri livelli di colesterolo sierico sono troppo elevati, allora saranno necessari più soldi per acquistare farmaci ipocolesteromizzanti e/o cibi artefatti come olio di mais, margarina, sostituti delle uova, alimenti sintetici a basso tenore lipidico ecc. (vedi ad es. questa pagina).


I soliti complottisti? Forse. C'è però da dire che la maggior parte dei messaggi pubblicitari che implicano il colesterolo come la causa principale delle affezioni cardiache, sono organizzati da coloro che cercano di trarne un qualche vantaggio economico. Probabilmente si tratta di un circolo vizioso: più una convinzione è invalsa, più il mercato la sfrutta per trarne vantaggi, un cane che si morde la coda...


Molti libri e articoli sulla prevenzione delle affezioni cardiache, raccomandano di evitare il colesterolo. Tuttavia, qualunque sforzo si faccia per seguire una dieta a basso tenore di colesterolo, diminuendo il consumo di burro, uova, carni rosse, lardo ecc., il rischio di morire prematuramente d'infarto o ictus sarà presso a poco lo stesso (circa il 50%), e le cardiopatie restano a tutt'oggi le prime cause di morte nel mondo occidentale. Perché? [I - continua]



Approfondimenti
Il grande abbaglio del colesterolo
Il mito del Colesterolo


@ Per quesiti e approfondimenti scrivi all'autore

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: