Fitoestrogeni - I

Isoflavoni_01 Gli isoflavoni sono dei fitoestrogeni, di cui la soia è particolarmente ricca. Gli isoflavoni hanno dimostrato, sia dal punto di vista epidemiologico (le donne orientali sono colpite in misura molto minore dai disturbi legati alla menopausa, così come dai tumori tipici dell'apparato femminile) che dal punto di vista della ricerca clinica, di avere sia   una potente attività antiossidante e antitumorale, sia una significativa capacità di riequilibrio dell'attività estrogenica femminile.

Studi epidemiologici hanno messo in evidenza che le donne asiatiche, grazie alla loro alimentazione particolarmente ricca di soia, sono meno colpite da tali disturbi (18% contro il 70-80% delle donne europee).

Nelle donne in menopausa, così come anche nelle donne caratterizzate da disturbi ormonali del ciclo, avviene una sostanziale riduzione nella produzione di sostanze estrogene, il che può indurre, quando ciò sia associato ad altri cofattori nutrizionali e dello stress, tutta una serie di disturbi specifici (secchezza vaginale, vampate di calore, sbalzi di umore, disturbi del sonno, insorgenza dell'osteoporosi). L'approccio ancora dominante a queste problematiche è una terapia a base di ormoni sintetici che hanno sì degli effetti sui disturbi suddetti, ma a costo di gravissimi effetti collaterali, incluso il rischio dell'insorgenza di tumori al seno e all'utero. I fitoestrogeni, tra cui spiccano gli isoflavoni di soia, si sono imposti sempre di più all'attenzione della comunità scientifica per la loro capacità di produrre effetti positivi senza effetti collaterali. [I - continua]

@ Per quesiti e approfondimenti scrivi all'autore

  • shares
  • Mail