Cromo e metabolismo insulinico - I

Insulina_01_2 Come si sa, l'ormone insulina interviene nella regola­zione dell'appetito e della produzione di energia, aiuta a "bruciare" i grassi, la costruzione dei mu­scoli e l'utilizzazione del colesterolo. L'insulina agisce alla stregua di un "portiere" che controlla il passaggio dei nutrienti e di altri composti fondamentali attraverso le pareti cellulari. Quando il mec­canismo insulinico è disturbato, gli zuccheri non possono essere assorbiti nelle cellule per essere bruciati e sono convertiti in depositi di grasso, gli aminoacidi non riescono a penetrare le cellule per cui non può avvenire la costruzione muscolare e il colesterolo prodotto nel fegato non viene assor­bito dalle cellule e ritorna nel flusso sanguigno dove si ossida andando a danneggiare le pareti ar­teriose.

Il cromo è un cofattore insulinico essenziale. Anche se non è ancora del tutto chiaro il suo meccanismo di azione, si sa per certo che la carenza di cromo rallenta la combustione del cibo e la sua trasformazione in energia, aumentando anche la produzione di grasso perché le calorie non utilizzate vengono convertite in grassi e quindi depositati nei tessuti adiposi.

Numerosi studi hanno dimostrato che la forma biologicamente attiva del minerale traccia cromo aiuta l'insulina a svolgere meglio il suo lavoro.

Sembra anche che gli individui sottoposti ad allenamento fisico intensivo siano a maggior rischio a causa delle ripetute perdite di cromo. [I - continua]

Immagine: molecola di insulina (cliccare per ingrandire)

@ Per quesiti e approfondimenti scrivi all'autore

  • shares
  • Mail