Alghe Klamath e omocisteina - II

Lo screening per iperomocisteinemia è indicato in tutti i soggetti che presentano una tendenza a sviluppare patologie a genesi vascolare, in particolare in assenza di altri fattori di rischio; è proponibile anche a tutti coloro che hanno una familiarità positiva per trombofilia.

Il dosaggio dell'omocisteina può essere eseguito sia in condizioni basali (prelievo in paziente a digiuno dalla mezzanotte precedente) che dopo prova da stimolo con metionina (il suo precursore, che viene somministrato per os in quantità proporzionale al peso del soggetto): il rilievo di elevati livelli di omocisteinemia dopo carico con metionina consente, secondo le diverse casistiche, di evidenziare una percentuale di soggetti portatori di un difetto del metabolismo dell'omocisteina variabile fra il 20 e il 30% , altrimenti non evidenziabile dal solo dosaggio basale.

La microalga Klamath contiene non solamente sostanze antiossidanti capaci di bloccare la pericolosa ossidazione del colesterolo e dunque la formazione delle placche arteriose; e specifici bioregolatori, come la metionina, l'arginina e la colina che svolgono importanti azioni cardiovascolari [*], ma estremamente rilevante è l'azione anti-omocisteina svolta dal gruppo delle vitamine B di cui la Klamath è ricchissima.

Negli ultimi anni si è compreso che l'aminoacido omocisteina costituisce un fattore di rischio molto più importante dello stesso colesterolo. L'omocisteina si forma come prodotto di "scarto" della metionina, e quando si accumula nell'organismo, soprattutto nelle cellule che rivestono le arterie, aumenta il rischio di malattie cardiache. In un organismo sano, l'omocisteina viene riciclata in metionina grazie all'attività di alcuni fondamentali nutrienti detti "fattori di metilazione", come la vit. B6, la vit. B12 e l'acido folico. Quando tali nutrienti vengono a mancare, la omocisteina non viene riciclata in metionina, e si accumula nelle arterie, dove va a costituire la base per la formazione della placca.

La capacità del nostro organismo di evitare l'accumulo di omocisteina dipende sia dai suddetti fattori di metilazione, sia dalla regolare assunzione e assimilazione di donatori di metile alternativi alla metionina, come ad esempio la colina e la trimetilglicina (che si forma a partire dall'aminocido glicina). La Klamath contiene naturalmente, in quantità considerevoli e nella forma maggiormente assimilabile, sia i fattori di metilazione B6, B12 e acido folico, sia donatori di metile alternativi come la colina e la glicina in quanto precursore della trimetilglicina.


------------------------
[*] La Colina emulsiona i grassi e li mantiene in soluzione nel sangue impedendone l'accumularsi sulle pareti arteriose ristrette; la Metionina è un agente chelante e uno "spazzino" di radicali liberi che favorisce la disintossicazione e l'emulsione delle materie grasse, in maniera simile alla colina; l'Arginina è il precursore obbligato dell'ossido di azoto, che è stato identificato come il principale fattore di regolazione del tono vascolare.

@ Per quesiti e approfondimenti scrivi all'autore

  • shares
  • Mail