Protonutrizione e allergie - II

Secondo i più recenti studi, le problematiche allergiche e di intolleranza sono generalmente associate a quella che in inglese viene detta leaky gut sindrome, la sindrome dell'intestino che perde: la compromissione della membrana intestinale consente alle macromolecole indigerite di entrare in circolo, e di produrre con il tempo tutta una serie di diversi effetti immuni e autoimmuni, tra cui ai primi posti si collocano le reazioni allergiche. La Klamath, come hanno rivelato recenti studi, riesce a regolarizzare rapidamente i problemi di permeabilità intestinale, ma anche una adeguata supplementazione probiotica ed enzimatica assume un ruolo certamente importante, così come una buona pulizia e rivitalizzazione colon-epatica.
Data la essenziale componente infiammatoria delle allergie, l'uso della proteasi lontano dai pasti, con la sua efficacia antinfiammatoria, può rivelarsi importante.
Infine, spesso le problematiche allergiche sono legate ad un alterato metabolismo degli eicosanoidi, e ad una produzione sbilanciata di prostaglandine e leucotrieni infiammatori. Il riequilibrio del metabolismo lipidico diventa dunque essenziale. La Klamath ha dimostrato di poter contribuire al riequilibrio del metabolismo lipidico[1]. L'aggiunta dell'Olio algale, con il suo elevato titolo di DHA (dotato di importanti proprietà come precursore di prostaglandine e leucotrieni antinfiammatori), può rivelarsi particolarmente efficace.   
Da ultimo, è importante anche sottolineare come l'estratto concentrato da microalga Klamath, PhycoPlus, grazie alla sua ricchissima dotazione di precursori dei neuropeptidi cerebrali, e soprattutto grazie alla sua elevata dotazione di feniletilammina, aminoacido cerebrale attivatore diretto di dopamina e aceticolina, agisce anche come potente fattore anti-stress e di supporto psichico.

Per maggiori info e suggerimenti pratici "https://about.me/luigigallo" target="_blank">scrivetemi
---------------------------------------------------------------
1. Kushak, R., et al., Effect of algae Aphanizomenon Flos Aquae on digestive enzyme activity and polyunsaturated fatty acids level in blood plasma, in Gastroenterology, 1999, 116:A559.

@ Per quesiti e approfondimenti scrivi all'autore

  • shares
  • Mail