Refractance Window - I

Il metodo attualmente più evoluto di essiccazione per la microalga Klamath è il Refractance Window (finestra di rifrazione). Questo sistema sfrutta le leggi fisiche di trasferimento termico e le proprietà dei fluidi in modo da eliminare l'umidità del prodotto raccolto senza sostanziale assorbimento di calore e così preservando al massimo l'integrità dell'alga.

Spieghiamo i principi del metodo:

1) Quando si riscalda dell'acqua, l'energia termica è trasmessa attraverso il mezzo fluido per convezione. In pratica il calore si irradia dall'acqua e si ha l'evaporazione. 

  03_3

2) Se tra il liquido e l'aria interponiamo una membrana trasparente impermeabile, l'evaporazione è bloccata, i raggi infrarossi vengono "rifratti", in maniera analoga alla rifrazione creata da uno specchio, e il calore si tra­smette solo per conduzione tornando indietro nell'acqua.

04_1

3) Ma ponendo una sostanza umida sulla membrana, l'acqua in essa presente crea una "finestra" (window) che consente nuovamente il passaggio del calore che viene così nuovamente trasmesso dall'acqua presente nella sostanza ed evapora.

05_3

4) Rapidamente quest'acqua evapora, la "finestra" si chiude e il calore è nuovamente rifratto nell'acqua riscal­data, per cui la sostanza si asciuga in brevissimo tempo senza surriscaldarsi.

06_2

Nel caso della Klamath, la sostanza umida grezza (Aphanizomenon flos-aquae) viene posta sulla superficie del nastro di trasporto del sistema di essiccazione. Il nastro è di natura impermeabile e scorre sulla superfi­cie di un recipiente di acqua calda circolante. Il calore si trasferisce per mezzo della finestra al­l'acqua presente nella sostanza grezza posta sulla superficie del nastro.

02_1

[I - continua]

@ Per quesiti e approfondimenti scrivi all'autore

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: