Olio Algale (DHA)

L'Olio algale, estratto dalle microalghe, contiene un'elevata concentrazione (fino al 40%) di Acido docoesaenoico (DHA). Il DHA è un componente essenziale del cervello e delle guaine di rivestimento e protezione del sistema nervoso, gioca perciò una ruolo decisivo nella prevenzione dell'invecchiamento neurologico e nella protezione dai processi neurodegenerativi, aiutando a mantenere l'efficienza cerebrale. Le membrane fotorecettoriali della retina rappresentano la parte del nostro organismo che è costituita dalla più alta percentuale di DHA, circa il 60%. Con l'avanzare dell'età, si assiste ad una perdita progressiva dei fotorecettori, a causa di processi ossidativi degenerativi che ne intaccano la frazione lipidica costituita in gran parte dal DHA. L'integrazione di DHA svolge quindi un'importante azione preventiva sia sulla degenerazione maculare legata all'età, sia su patologie oculari quali la retinite pigmentosa.
Il DHA svolge un ruolo fondamentale per lo sviluppo cerebrale del neonato e del bambino e la ricerca ha dimostrato come l'assunzione di DHA durante la gravidanza possa prolungare la gestazione, aumentare il peso alla nascita e ridurre le possibilità di nascite premature. I bambini allattati al seno tendono ad avere una presenza maggiore di DHA nelle membrane neuronali, se la dieta materna contiene buone quantità di acidi grassi essenziali o è integrata con olio algale. Inoltre l'integrazione di DHA nella dieta dei bambini non allattati al seno, o delle mamme che allattano, ha forti possiblità di migliorare lo sviluppo immunologico del bambino, in particolare tramite il potenziamento della composizione e maturità di linfociti, citochine e antigeni.
Il DHA è anche un'importante componente delle membrane vascolari e cardiache, e la sua carenza può compromettere l'integrità e la funzionalità tissutale cardiaca. Numerosi studi hanno confermato che l'integrazione di DHA nella dieta porta ad una significativa riduzione dei biomarkers associati alla patologia cardiovascolare, che ancora oggi costituisce la prima causa di morte nel mondo. La serie di benefici attribuibili alla integrazione di DHA sono così riassumibili:
· riduzione dei trigliceridi;
· riduzione dell'aggregazione piastrinica e della viscosità sanguigna;
· inibizione dello sviluppo di placche aterosclerotiche;
· abbassamento della pressione sanguigna;
· riduzione della fibrillazione ventricolare e delle aritmie.
Per la sua capacità di sostituire l'Acido arachidonico (AA) nelle membrane, il DHA esercita anche una importante azione antinfiammatoria. L'AA è infatti precursore delle PGE2 e dei leucotrieni infiammatori, e poter evitare che esso diventi parte delle diverse membrane tissutali, anche muscolari, ha un ruolo decisivo nel ridurre i diversi processi infiammatori (anche negli sportivi). Inoltre, il DHA stimola la produzione delle prostaglandine di serie 1 (PGE1), che stimolano l'afflusso di sangue ai muscoli, favorendo così una migliore ossigenazione muscolare.

Approfondimenti:
Scheda sull'olio algale


@ Per quesiti e approfondimenti scrivi all'autore

  • shares
  • Mail
10 commenti Aggiorna
Ordina: