Preservare i nutrienti

Le microalghe verdi-azzurre in generale vengono essiccate con vari sistemi di liofilizzazione come ad esempio lo spray-drying e Il freeze-drying che, pur mantenendo buona parte delle loro proprietà, comportano comunque la perdita o la riduzione di alcuni importanti componenti.
Stesso discorso per la Klamath, ma in questo caso abbiamo fortunatamente la possibilità di scegliere anche una qualità speciale che, oltre ad essere raccolta con la massima attenzione, viene essiccata con un metodo che ne preserva anche i più delicati e vitali nutrienti.
Le Klamath di qualità superiore sono raccolte attraverso un sistema di nastri rotanti che penetrano in acqua per soli 5 cm, scremando le alghe nel momento della loro massima fioritura e vitalità. Quando sono in fioritura, le Klamath si riproducono ad una incredibile velocità, quadruplicandosi ogni 15 minuti! Questa densissima pro­liferazione crea una sorta di tappeto verde da cui è escluso tutto ciò che non sia alga. Scremare queste fio­riture garantisce dunque un prodotto finale incontaminato.
La raccolta avviene al centro del lago Upper Klamath dove la fioritura è più ricca e più densa. Dopo la rac­colta le alghe sono ulteriormente filtrate per garantire che anche la minima impurità sia del tutto esclusa.
La elevatissima qualità del prodotto è ulteriormente assicurata da un metodo di essiccazione, basato su una tecnologia naturale innovativa, che preserva completamente l’integrità e persino il sapore delle microalghe.
Si tratta di un sistema che sfrutta le leggi fisiche di trasferimento termico e le proprietà dei fluidi in modo da eliminare l'umidità del prodotto raccolto senza sostanziale assorbimento di calore e così preservando al massimo l'integrità dell'alga.
La conservazione è massima e abbiamo, rispetto anche ai migliori sistemi normalmente utilizzati, un contenuto ancora più elevato di vitamine e altri nutrienti, ad esempio fino a 10 volte più caroteni e fino a 4 volte più acidi grassi essenziali.
Vedremo più in là, quando parleremo del trattamento e della conservazione dei nutrimenti primordiali, i dettagli tecnici di questo metodo particolarmente evoluto.

@ Per quesiti e approfondimenti scrivi all'autore

  • shares
  • Mail