Giornata della Lentezza, vivere con calma per vivere meglio

giornata_lentezza.jpg


Oggi si celebra la Quinta Giornata mondiale della lentezza all'insegna del mantra "'Go slow be happy!" (fonte immagine).


Tutto il mondo - si spera... - si fermerà per ritrovare la pace, la tranquillità, per liberarsi dallo stress del lavoro, delle bollette da pagare, tutti fattori che non fanno che alimentare l'ansia.


E l'ansia e lo stress sono dei potenti agenti patogeni e quando viene a mancare la capacità di farvi fronte - spiega il sito Nienteansia.it -  il rischio è quello di sviluppare qualche forma di sofferenza psicologica e fisica.


I rischi possono essere elevati, come ci illustra Psicocafé:

Situazioni croniche di stress possono essere all'origine di ulcera gastroduodenale, asma, colite, turbe del ritmo cardiaco.

L'esposizione continua ad una fonte di stress e l'attivazione ripetuta della risposta fisiologica sono direttamente correlati all'insorgenza di disturbi cardiovascolari come l'ipertensione, l'ischemia e l'infarto.

Un possibile ruolo dello stress è stato anche sostenuto (ma in via del tutto ipotetica) nello sviluppo del cancro, così come nella riduzione delle difese immunitarie. E' indubbia la relazione causale tra lo stress e la salute, e quindi il benessere dell'individuo.

Aldilà delle reazioni più violente ad uno stress cronico, ce ne sono alcune che riguardano le corse che facciamo nella vita quotidiana. La caduta dei capelli, è uno di queste: uomini e donne possono sviluppare alopecia, o presentare chiazze di calvizie. Questi fenomeni possono essere causati anche dall'abitudine di torturarsi i capelli quando siamo nervosi.

Lo stress può inoltre favorire e accelerare la comparsa di capelli grigi o bianchi.


Altri fenomeni notoriamente associati allo stress, possono essere le problematiche dermatologiche, come l'acne dovuta all'incremento del livello di cortisolo che incentiva la produzione di sebo. Prima di una ricorrenza importante, quel terribile brufolo non può evitare di spuntarci proprio sopra il naso, anche se normalmente non ne soffriamo.


Ancora, l'abitudine di rosicchiare le unghie in momenti di stress, spesso ne danneggia la crescita, o le riga, indebolendole alla radice

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: