Aborto mai terapeutico, parola di Papa

pregnancy_tests.jpg 


Non esiste l'aborto terapeutico a meno che i medici non ingannino le donne.


Questo il monito lanciato dal Papa in udienza all'assemblea generale della Pontificia accademia per la vita.


Benedetto XVI ha evidenziato - riporta il Corriere - che "la donna viene spesso convinta, a volte dagli stessi medici, che l'aborto rappresenta non solo una scelta moralmente lecita, ma persino un doveroso atto terapeutico".


Il Papa ha commentato:


"I medici, in particolare non possono venire meno al grave compito di difendere dall'inganno la coscienza di molte donne che pensano di trovare nell'aborto la soluzione a difficoltà familiari, economiche, sociali, o a problemi di salute del loro bambino. Specialmente in quest'ultima situazione, la donna viene spesso convinta, a volte dagli stessi medici, che l'aborto rappresenta non solo una scelta moralmente lecita, ma persino un doveroso atto "terapeutico" per evitare sofferenze al bambino e alla sua famiglia, e un "ingiusto" peso alla società".

Il Papa ha aggiunto:


"È necessario non far mancare gli aiuti necessari alle donne che hanno fatto ricorso all'aborto e stanno ora sperimentando tutto il dramma morale ed esistenziale. Molteplici sono le iniziative che offrono sostegno psicologico e spirituale per un recupero umano pieno. La solidarietà della comunità cristiana non può rinunciare a questo tipo di corresponsabilità"

  • shares
  • Mail