Popcorn sotto accusa: troppe calorie e grassi

popcorn_salute.jpg Chissà quanti popcorn abbiamo sgranocchiato durante le festività natalizie, sulla poltrona davanti alla televisione o al cinema...

Un'abitudine, però, che può costarci molto, come sottolinea una recente indagine del "Center for Science in the Public Interest" (Cspi) secondo cui è molto dannoso per il nostro organismo assumere un tale apporto di grassi saturi, oltre che di calorie.

Non parliamo poi delle conseguenze nefaste delle miscele di oli di basso rango usate per la "scoppiatura" e le copiose quantità di sale utilizzate per condirli.

Il Cspi ha analizzato in laboratorio le caratteristiche nutrizionali delle varie porzioni di popcorn venduti nelle tre prime catene di cinema statunitensi e la sorpresa è puntualmente arrivata con la verifica dei valori relativi all'apporto calorico, alla presenza di grassi saturi e di sale che in molti casi, specie per quanto riguarda le calorie superano addirittura le quantità dichiarate.

Peraltro, la ricerca ha evidenziato un'ulteriore dato a dir poco stupefacente per un prodotto (che può essere considerato alla stregua di un cereale soffiato) che si può ottenere anche e solo con aria e calore.


I popcorn analizzati, al contrario, sono risultati preparati con oli vegetali di bassa qualità con le conseguenze che tutti possiamo immaginare in termini di corretta alimentazione.

Non resta che rivolgere un semplice consiglio a tutti i consumatori di popcorn: evitare di abusarne.

Fonte: Giovanni D'Agata, componente del Dipartimento Tematico Nazionale "Tutela del Consumatore" di Italia dei Valori e fondatore dello "Sportello dei Diritti".

  • shares
  • Mail